CORONAVIRUS: NEL LECCHESE
FINORA “NESSUN ALLARME”.
ATTIVATI PROTOCOLLI SPECIALI
IN TUTTI GLI OSPEDALI

LECCO – Non si registra nessun allarme al momento nella provincia di Lecco in relazione allo stato di emergenza sanitaria dichiarato dal Consiglio dei Ministri a seguito della diffusione del virus 2019-ncov (nuovo coronavirus). È questo l’esito della riunione di oggi pomeriggio in Prefettura.

All’incontro, convocato e presieduto dal Prefetto di Lecco, hanno preso parte il consigliere Delegato della Provincia di Lecco Matteo Manzoni, il sindaco di Lecco Virginio Brivio, il Comandante della Polizia Locale di Lecco Monica Porta, il Questore Filippo Guglielmino, il Comandante Provinciale dell’Arma dei carabinieri Igor Infante, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Paolo Cussotto, il Tenente Colonnello del Nas di Brescia Simone Martano, il Direttore Sanitario ASST Lecco Vito Corrao e il Direttore Medico del Presidio di Merate Valentina Battamio, il Direttore dell’Unita Operativa Malattie Infettive ASST di Lecco dott. Paolo Bonfanti, il Direttore Sanitario ATS Brianza Emerico Panciroli, il Direttore del Dipartimento Igiene e Prevenzione Sanitaria ATS Brianza.

I sanitari hanno evidenziato che ad oggi si registrano 20.684 casi di epidemia nel mondo, di cui il 99% in Cina. In Europa i casi sono 25 di cui 2 in Italia: si tratta di cittadini stranieri provenienti dalla città di Wuhan. I casi registrati in Italia sono importati e non secondari per cui il livello di allarme può considerarsi basso anche se l’allerta resta massima. La Regione Lombardia ha dato vita ad una task force per riconoscere e affrontare eventuali casi di Coronavirus, con tre laboratori ai quali trasmettere i campioni da analizzare e 17 reparti di malattie infettive di riferimento.

È stata, inoltre, fornita adeguata informazione a tutta la rete dei medici di medicina generale, pediatri di famiglia e medici di continuità assistenziale, che rimangono i punti di riferimento per tutta la popolazione in caso di necessità. Da ultimo, è comunque attivo presso il Ministero della Salute il numero verde 1500.

Il Prefetto Formiglio, richiamando i contenuti di una recentissima circolare del Ministero dell’interno, ha evidenziato l’esigenza di “massimizzare l’efficienza dei dispositivi di ordine e sicurezza pubblica a tutela della collettività”.

In considerazione anche del rilievo mediatico dell’epidemia, “non potendosi escludere il compimento di iniziative estemporanee finalizzate ad ingenerare allarmismo”, il Prefetto ha sottolineato l’esigenza di “intensificare l’attività preventiva di carattere generale, avendo cura di porre in essere azioni di controllo del territorio al fine di garantire il rispetto della legalità e prevenire l’insorgere di forme di conflittualità sociale che potrebbero essere strumentalizzate da singoli o da gruppi per il compimento di azioni in danno di obiettivi o interessi della comunità cinese o di cittadini di origine asiatica”.

La situazione “è attentamente monitorata”.

Pubblicato in: Città, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .