DA OLGINATE ALLO… SPAZIO:
UNA FIRMA LECCHESE SU PARTI
DEL RAZZO “VEGA-C”

OLGINATE – C’è anche la firma di una industria lecchese sulla missione spaziale che culminerà questa settimana con il lancio del vettore “Vega-C”.

Heppenstall Europe-Lario Impianti, azienda metalmeccanica con sede a Olginate, dove produce sistemi di movimentazione e pinzaggio, è infatti , attraverso Avio, coinvolta nella missione che l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) sta coordinando nell’ambito del progetto condotto da Ariane Group e che mercoledì vedrà il lancio del nuovo razzo dalla base allestita in Guyana.

Il ruolo dell’impresa lecchese è importante nell’ambito del controllo qualità dei motori P120. Grazie al suo know-how, maturato in oltre 40 anni di attività, e alla grande capacità di innovazione del suo settore Ricerca & Sviluppo, Heppenstall Europe-Lario Impianti ha progettato e realizzato un innovativo sistema di movimentazione finalizzato alla verifica strutturale dei motori del razzo.

ÈMade in Olginate”, infatti, l’impianto sul quale sono state installate le apparecchiature (rilevatori a Raggi X Varian) che permettono di analizzare, con tolleranze centesimali, l’involucro strutturale dei propulsori, che hanno un diametro di oltre quatto metri e una lunghezza di dodici metri.

“Si tratta di una realizzazione unica al mondo. Con Avio abbiamo creato una vera e propria anticipazione di quella che sarà l’applicazione industriale della tomografia assiale computerizzata (TAC), la quale permetterà di cogliere tutte le eventuali micro fessurazioni del prodotto da sottoporre ad analisi. In questo caso, la verifica ha riguardato i motori P120 del vettore spaziale” ha commentato il fondatore e Ceo di Heppenstall Europe-Lario Impianti, Armando Friburghi.

Il lancio inaugurale del nuovo razzo dell’Esa avrà luogo mercoledì 13 luglio alle 13.13. La diretta del decollo potrà essere seguita su Esa Web Tv.

VEGA-C
Vega-C è un razzo a corpo unico alto circa 35 metri con una massa al decollo di 210 tonnellate. È in grado di posizionare circa 2200 kg in un’orbita polare di riferimento di 700 km. Il vettore è una versione aggiornata e più potente dell’attuale veicolo di lancio Vega; è un programma dell’Agenzia spaziale europea (ESA), che rafforzerà ulteriormente la posizione di mercato di Arianespace per i lanci di piccoli satelliti nella parte inferiore dell’orbita terrestre. Essendo un sistema di lancio flessibile, Vega-C può essere adattato per un’ampia gamma di missioni, dai nanosatelliti ai più grandi veicoli spaziali di osservazione ottica e radar. Gli adattatori di carico utile faciliteranno l’implementazione di Vega-C di più passeggeri satellitari, comprese le configurazioni con carichi utili primari accompagnati da CubeSat o microsat.

Gli Stati partecipanti allo sviluppo di Vega-C sono Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Romania, Spagna, Svezia e Svizzera.

Pubblicato in: News Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati