DISPACCI DA MONTE MARENZO (SOLO ANDATA): 23.05.2013

pendolari fsCALOLZIOCORTE – Come tutte le mattine, anche oggi riceviamo e pubblichiamo i messaggi arrivati alla nostra redazione, inviati da pendolari alle prese con le difficoltà del dopo-frana Monte Marenzo.

Se la condizione dei pendolari non fosse davvero precaria, ci sarebbe quasi da ridere.

Dispaccio uno ore 7:09 del 23 maggio (Monte Marenzo solo andata).

E’ confermato: il treno Lecco-Bergamo dei pendolari nei fatti non esiste più.

O vieni a Calolziocorte con mezzi propri (se ce li hai) o a Bergamo puoi non arrivarci mai. ( non puoi nemmeno fidarti di prendere il Milano C.le che ferma a Calolzio delle 6.52, se fa 3 minuti di ritardo sei fottuto e devi aspettare un’ora e mezza in stazione).

Motivo: Il Berretto Trenord con sotto una gentile annunciatrice categoricamente ribadisce che il pullman sostitutivo da Calolzio a Cisano non aspetta il treno da Lecco. Parte alle 7:09 inderogabilmente.

I passeggeri si adeguino. Della serie: il treno dei desideri che all’incontrario va….

 

Dispaccio due ore 7:25 del 23 maggio.

Stazione di Cisano. Parcheggio auto pieno. Il bar è chiuso l’economia non riesce a girare.

Il Treno per Bergamo è in ritardo di 9 minuti. Il Pullman da Calolzio arriva un paio di soffi prima. Tre misere carrozze.

La macchina organizzatrice di Trenord sta oliandosi ed entrando a regime. Dal pullman scendono 3/4 di studenti e sempre meno lavoratori. C’è Crisi o rassegnazione?

 

Dispaccio tre ore 7:40 del 23 maggio

Il Trenod i 3 misere carrozze raccoglie tutti. Posti in piedi in paradiso almeno 50. Il Macchinsita ha nuovi apprendisti 6 ragazzi del Liceo Lussana di Bergamo stanno parlottando se bigiare e chiedere di provare a guidare loro il ritorno.

Un fulmine toglie il fiato agli altri passeggeri

 

Dispaccio quattro ore 7:50 del 23 maggio

nel salutarsi alcuni passeggeri comemttono un imprudenza riferiscono che il Berretto Trenord in stazione a Calolzio ha ieri confermato  che i tempi di sitemazione della linea sono quantificati in almeno 60 giorni, il macchinista macchinista dove vai di stamane ha detto non più di 30-35

I passeggeri più intraprendenti puntano a sentire domani l’Assessore Provinciale ai Trasporti De Poi così da sentirsi dimezzare i tempi a 15 giorni, alcuni propongono di sentirne anche un’altro dopodomani per portare i giorni a solo 7 e dopo dopodomani ancora con un altro ancora per accorgersi che non è successo niente.

Siamo in gita e la macchina di trenord è in moto.
Perpetuo.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Hinterland, News

Condividi questo articolo

Articoli recenti

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .