INDAGINE FONDI NERI IN VENETO TRA FATTURE E FILM HARD. COLOMBELLI AI DOMICILIARI A PESCATE

LECCO – Invischiato, secondo l’accusa della Procura della Repubblica di Venezia, nel giro di fatture false per 10 milioni di euro, William Alfonso Colombelli, dopo aver tenuto un atteggiamento collaborativo con gli inquirenti, è tornato nella villa di Pescate agli arresti domiciliari.

La vicenda è collegata alle grandi opere pubbliche nel Veneto e ha preso due anni di lavoro d’indagine della Guardia di Finanza di Venezia e Padova. Tra le numerose società coinvolte spicca l’impresa di costruzioni Mantovani, che è stata impegnata nella costruzione della bretella autostradale di Mestre, le paratie a salvaguardia di Venezia Mose e altri rilevanti lavori.

Colombelli è presidente della BMC Broker società di San Marino, Repubblica considerata paradiso fiscale fino a pochi anni fa grazie alla riservatezza intorno alle sue società, ma che la rogatoria internazionale del procuratore Ancilotto è riuscita a perforare trovando riscontri all’accusa di fatturazioni false ai danni dello Stato.

Il meccanismo contestato sarebbe stato quello classico: la Mantovani e altre società negli anni avrebbero fatturato alla BMC Broker milioni di euro per progetti e studi mai realizzati. La società di Colombelli si sarebbe fatta pagare, ma poi avrebbe restituito i soldi depurati di una ‘commissione’ pari al 15- 20%. Sarebbero stati così creati dei fondi neri sul cui utilizzo stanno ancora lavorando le Fiamme gialle, per capire la destinazione della liquidità.

Una vicenda complessa, con anche possibili risvolti a luci rosse, secondo quanto riportato da un quotidiano veneto. Tra i beni sequestrati a Colombelli, infatti, ci sono registrazioni private hard, acquisite dagli inquirenti per valutare se entrano nei meccanismi economici sotto indagine o si tratti di materiale personale.
Bergamasco d’origine, strettamente imparentato con una nota famiglia di industriali lecchesi, Colombelli aveva affari in Veneto e non qui da noi.

Vedi articoli correlati

PESCATE VILLA VIA ROMA

FATTURE FALSE IN VENETO,
PER GLI INQUIRENTI
COLOMBELLI VIVEVA A PESCATE

Scritto il 1 marzo 2013
VENEZIA – William Colombelli il 49enne presidente della società BMC broker srl, considerata la “cartiera” per il giro di fatture false da 10 milioni di euro per conto del …

BREAKING NEWS

TOCCA ANCHE IL LECCHESE
LA MAXI INCHIESTA VENEZIANA SULLE GRANDI OPERE

Scritto il 28 febbraio 2013

LECCO – Ci sarebbe una villa sull’Adda nella disponibilità di William Ambrogio Colombelli (presidente della Bmc Broker Srl, meno di 12mila euro di reddito dichiarato a …

Pubblicato in: News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati