GOLETTA DEI LAGHI, IL ‘VERDETTO’:
SEI SPIAGGE INQUINATE, MALE
COLICO, MANDELLO E IL CALDONE

goletta laghi 2015LECCO – Sei punti su undici, in tutto il lago lecchese sono inquinati. Ma cinque rispettano i limiti di legge. E’ ciò che è uscito dall’ultimo rapporto della Goletta dei laghi di Legambiente dopo aver analizzato il Lago di Como. Nella mattinata di oggi i tecnici dell’associazione ambientalista, in collaborazione con il Coou (Consorzio Obbligatorio Oli Usati) e Novamont – hanno reso pubblici i dati dei monitoraggi scientifici realizzati nelle scorse settimane.

Oltre il 50% dei punti monitorati dai tecnici sono oltre i limiti imposti dalla normativa vigente in Italia, precisamente 6 su 11 di cui ben 5 ricevono dalla Goletta dei Laghi un giudizio di “fortemente inquinati”. Si tratta nel dettaglio: della foce del fiume Adda, della foce del torrente Inganna e della Merla tutte e tre a nel comune di Colico; della foce del torrente Caldone a Lecco e di quella del Rio Torto a Valmadrera. Giudizio “inquinato” per la foce del torrente Meria a Mandello sul Lario. Superano l’esame dei monitoraggi lo scarico del depuratore di Dorio, il punto di fronte al rivo montano all’estremo nord della Spiaggia di Oro e la foce del torrente Pioverna a Bellano, il punto di fronte la foce del torrente Esino a Varenna e il punto presso lo scarico del depuratore di Lecco.

Sorprende sicuramente quest’ultimo risultato, storicamente inquinato, anche se c’è da segnalare che l’agglomerato di Lecco è in procedura d’infrazione 2014-2059 e in base a quanto si legge: “Sulle informazioni disponibili, questo agglomerato risulta non conforme all’articolo 4 perché non è stato dimostrato che tutto il carico generato riceve un adeguato trattamento secondario”.

“Il monitoraggio scientifico ha messo in luce anche quest’anno le numerose criticità in fatto di mancati investimenti nel ciclo integrato delle acque: un male cronico da cui non si salvano nemmeno una perla come il bacino del Lario – sottolinea Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia -. Il risanamento dei bacini lacustri deve essere considerata una priorità assoluta. Siamo ancora troppo lontani dal raggiungimento degli standard di prestazioni depurative e di qualità delle acque che ci chiedono sia le direttive comunitarie che i cittadini lombardi. A dare il cattivo esempio sono per primi i capoluoghi con depuratori ormai inadeguati e mal funzionanti e addirittura reti fognarie incomplete. È’ necessario passare dalle parole ai fatti: gli investimenti devono tramutarsi in cantieri”.

C’è poi da sottolineare, in alcuni casi, la scarsità o la totale assenza di informazione ai bagnanti, che in alcuni punti si immergevano nonostante l’inquinamento. I cittadini sono inconsapevoli e gli enti di competenza non sembrano fornire adeguata comunicazione. “Ancora una volta fiumi e torrenti sono gli imputati principali dell’inquinamento delle acque del lago – dichiarano Costanza Panella e Alessio Dossi presidenti dei circoli Legambiente Lario Sponda Orientale e Lecco – a partire dall’Adda per arrivare a torrenti più piccoli come il Caldone. Se a questo aggiungiamo altri tipi di inquinanti come ad esempio quelli derivati dalla navigazione, il Lario finisce per essere un lago di infinita bellezza in fragile equilibrio. Crediamo che sia ora di affrontare seriamente il problema e mettere un freno a questa situazione, non fosse altro per contribuire al preteso sviluppo turistico del territorio”. 

Il sindaco Virginio Brivio ha spiegato come “negli ultimi due anni ci siano stati un paio di interventi sul depuratore. Inoltre – prosegue – il fatto che ci siano odori sgradevoli non è un problema per l’inquinamento, come si vede dai dati della Goletta”.

goletta laghi 2015 lc

 

Pubblicato in: Città, Hinterland, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati