IL TITICACA RESTA UN TABÙ,
MA PER ORIANA È RECORD
ANCHE SENZA TRAVERSATA

PERÙ/BOLIVIA – Prima la barca di supporto in avaria, poi un attacco di gastroenterite acuta non hanno fermato il recordman lariano Andrea Oriana, che, a distanza di due settimane dal primo tentativo fallito ancor prima di iniziare, si è finalmente tuffato nelle acque del lago Titicaca, situato a 3.812 metri di altitudine al confine tra Perù e Bolivia.

La sua però è una “vittoria mutilata“: a causa della corrente troppo forte e del clima sfavorevole, Oriana si è fermato dopo 5 ore e mezza di bracciate e 20 chilometri di distanza percorsa, mancando il tanto sperato attraversamento completo del bacino d’acqua.

Il record del Titicaca è comunque suo – spiega lo staff soddisfatto -. È andato oltre i limiti della resistenza umana in condizioni estreme! La sua non è una sconfitta perché il dio del lago è uno spirito e Andrea un essere umano… il lago gli ha dato solo appuntamento per la prossima estate… quando il suo umore sarà più accogliente! E noi ci saremo ancora tutti a supportarlo”.

I TENTATIVI SCORSI

LA DISSENTERIA FERMA ORIANA: RINVIATA ANCORA UNA VOLTA L’IMPRESA TRA PERÙ E BOLIVIA

BARCA D’APPOGGIO IN AVARIA, “SALTA” L’IMPRESA DI ORIANA NEL DIFFICILE LAGO TITICACA

 

 

Pubblicato in: Dal mondo, Eventi, Hinterland, Lago, Sport, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .