INDUSTRIA E ARTIGIANATO
LECCHESI STANNO BENE,
PIÙ INCERTO IL TERZIARIO

daniele-riva-camera-commercio-cciaaLECCO – Conclusa l’indagine congiunturale per il secondo trimestre 2017. Ancora risultati positivi per l’economia lecchese: crescono produzione, ordini e fatturato dell’industria e dell’artigianato. “I dati – commenta Daniele Riva, presidente della Camera di Commercio di Lecco – confermano che la fase di crescita della produzione industriale lecchese avviata nel 2016 prosegue e si rafforza ulteriormente: la nostra provincia guida la classifica lombarda con un aumento superiore al 5% sia per il secondo trimestre che per i primi sei mesi dell’anno (rispettivamente +5,3% e +5,2%). Anche il comparto artigiano ha visto una crescita della produzione pari al 2,7% nel secondo trimestre e, addirittura, superiore ai 4 punti percentuali nel primo semestre 2017”.

“Le buone notizie non finiscono qui, – prosegue Riva – Anche fatturato e ordini mettono a segno performance positive: nell’ultimo trimestre, per l’industria rispettivamente +7% e +4,3%; per l’artigianato entrambi +2,5%. Va comunque rilevato che gli imprenditori lecchesi non abbandonano la prudenza: quelli intervistati hanno espresso aspettative caute per il prossimo trimestre, probabilmente anche a causa della pausa estiva, tanto che nel comparto artigiano e nel terziario i saldi tra ottimisti e pessimisti sono negativi”.

clicca per ingrandire

clicca per ingrandire

A trainare la produzione industriale sono soprattutto i settori: “legno-mobilio” (+14,2%), “chimica” e “siderurgia” (entrambe +6,5%). Solo i settori “tessile”, “abbigliamento” e “mezzi di trasporto” evidenziano un calo della produzione (rispettivamente -4,6%, -4% e -0,3%). Per quanto riguarda l’artigianato rispetto al secondo trimestre 2016, solo “abbigliamento” e “carta-stampa” fanno registrate un decremento della produzione (rispettivamente -13,6% e -0,1%), mentre i settori con le migliori performance sono: “gomma-plastica” (+10,8%), “meccanica” (+4%) e “minerali non metalliferi” (+3,3%) . Si evidenzia una crescita dell’occupazione artigiana lecchese: +3,5% rispetto al 2° trimestre 2016, dato superiore a quello regionale (+1%).

clicca per ingrandire

clicca per ingrandire

Segnali contrastanti arrivano dal comparto del terziario. Nel commercio, dopo vari trimestri di ripresa del volume d’affari, la variazione tendenziale è negativa di quasi 4 punti percentuali (contro l’aumento del 3,9% regionale); viceversa, nei servizi, continua la crescita (+5,5%, contro il +9,1% regionale).

A livello regionale la crescita rallenta, ma ciò è dovuto all’andamento eccezionale del trimestre precedente: è in corso un progressivo consolidamento, anche legato alla positiva congiuntura internazionale – puntualizza  Riva -. Nel secondo trimestre 2017 la crescita tendenziale della produzione industriale lombarda frena (+2,5% contro il +4% del trimestre precedente), ma le performance di ordini e fatturato rimangono molto positive (rispettivamente +4,7% e +4,5%); dunque le imprese stanno riducendo le proprie scorte di prodotti finiti (de-stoccaggio). La comprensione di questi dati richiede un lessico e una chiave di lettura adeguati ai tempi: cambiano i modelli industriali e le dinamiche seguono traiettorie inedite, comunque nell’ambito di un trend di ripresa”.

“In questa cornice, la sperimentazione del progetto ‘Ecosistema Innovazione Lecco’ – che nasce dalla stretta collaborazione tra Regione Lombardia e Camera di Commercio di Lecco nell’ambito dell’AdP sulla competitività – sta dando ottimi frutti -conclude il presidente -. La fase di raccolta delle manifestazioni di interesse delle imprese locali si concluderà il 31 luglio, ma già oggi le previsioni sono state superate, con ben 124 domande presentate da MPMI locali.

Un successo per il Governo regionale che ha creduto nell’iniziativa sperimentale volta a far emergere i fabbisogni di innovazione, a incentivare i processi tecnologici e a supportare la concreta realizzazione di progetti innovativi applicando i risultati della ricerca nelle MPMI lecchesi, destinando al nostro territorio ben un milione di euro. Una preziosa opportunità per le imprese, che proprio sull’innovazione e sulla digitalizzazione devono investire per cogliere le opportunità aperte dai cambiamenti in atto (a partire dal Piano nazionale ‘Industria 4.0’); per questo la Camera di Lecco e la sua Azienda L@riodesk sono impegnate nel sostenere la conoscenza degli strumenti a disposizione e nell’accompagnare le MPMI a dialogare con i Centri di ricerca”.

Tutte le tabelle e dettagli dell’analisi: N.I. congiuntura 2° trim 2017 def

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in: tecnologia, lavoro, Città, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .