LA VOCE DEL CAPITANO/
IL FUORIPROGRAMMA DEL CORO GRIGNA PER TELETHON

CORO GRIGNAVALMADRERA – Il Coro Grigna in un fuoriprogramma dedicato alla volontà di non mollare mai e perseguire i nobili scopi della pace e del volontariato sociale. Sotto le travi antiche della location del Fatebenefratelli di Valmadrera, le voci del Coro Grigna, dirette da Riccardo Invernizzi, hanno toccato le corde sensibili della guerra, non solo testimoniando nella loro operazione artistico culturale la realtà vissuta dagli alpini, ma cantando quei valori su cui si fonda la nostra contemporaneità, non ultima la libertà.

I brani vibravano attorno a un sentimento giustamente nostalgico ma di grande dignità, storie, lacrime, parole di giovani che si improvvisavano bravi soldati ma nel cuore erano poco più che bambini … Tra la neve e il gelo, al confine con la vita, un capitano stringeva la mano dei suoi sottoposti, erano gli ultimi suoi respiri ma doveva assicurare il suo ricordo alla patria, come giusto, ma anche alle donne che lo aspettavano a casa, in preghiera e alla fine, impotente, si abbandona alla montagna. Con lui le croci bianche dei soldati anonimi ricamano i campi militari, ragazzi di ogni dove, con lo stesso destino. Poi, durante una notte piovosa, gli alpini in trincea, di guardia o a riposo, non parlavano di politiche, di ideali nazionalistici ma cantavano timidamente una preghiera, pensavano alla donna lasciata, alla campana del loro paese nativo e in quella tenda, in così poco spazio, c’era tutta l’Italia.

281120144576Non siamo sempre pronti alla sofferenza ma gli alpini, assieme agli amici di Telethon Gerolamo Fontana e Renato Milani, ci insegnano che l’importante è non arrendersi e darsi una mano, ognuno per quello che può e che ha, vincendo nella solidarietà, tutti i luoghi comuni che ci separano dagli altri, avendo sempre, come diceva Mario Rigoni Stern, il coraggio di dire No alla guerra. Nel concerto hanno echeggiato poeticamente i versi della Valle del lecchese Walter Orsatti armonizzati dal Maestro fondatore del Coro, Giuseppe Scaioli, che ha diretto il brano.

Un appuntamento a sorpresa per questa maratona Telethon 2014 cominciata davvero con carica e speranza e che continua nelle sue date di musica, teatro, sport e danza accompagnata dai dolci natalizi che si possono acquistare ad ogni evento. Continua intanto il forte impegno che la UILDM (unione italiana lotta alla distrofia muscolare, associazione madre di Telethon) porta avanti con la sensibilizzazione dei ragazzi nelle scuole di ogni ordine e grado, sempre con la speranza che le famiglie siano ancora aperte all’ascolto e sostengano a loro volta questa importante realtà.

“Qualcuno sta preparando i festeggiamenti per l’anniversario della Grande Guerra. Non si capisce cosa ci sia da festeggiare. Quello che rimane da fare è raccontare, trasmettere, cantare, per capire che la nostra libertà e le nostre comodità sono la conseguenza di una altrettanto grande ricostruzione e che la pace è un sottilissimo equilibrio che dipende soltanto da noi”.

Michele Casadio

Il+testamento+del+capitano

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .