L’APPROFONDIMENTO/CHIUSO: EDA
E L’OSSESSIONE DI ESSERE MADRE

EDA TITOLO GIORNOLECCO – E’ firmato da Daniele De Salvo e dall’inviato speciale Gabriele Moroni l’ampio servizio pubblicato dal Giorno e dedicato alla personalità di Edlira “Eda” Copa, la madre di origine albanese che domenica mattina ha ucciso le proprie figlie di 3, 10 e 13 anni nell’abitazione di corso Bergamo.

> L’INTERO ARTICOLO SULLA VERSIONE WEB DEL “GIORNO”

“Una donna – si legge nel sommario del pezzo – che aveva il culto della maternità, al punto da riservare ogni tenerezza anche ai figli delle altre. Una vita all’apparenza serena, una separazione vissuta senza scossoni, la tranquilla consapevolezza che nella vita del suo compagno era entrata una donna più giovane”.

Molti i particolari interessanti contenuti nel lavoro del quotidiano: ad esempio che Eda “parlava serenamente della fine del suo matrimonio” (era stata lei a voler interrompere) o il trasferimento del marito Bashkim a casa del fratello, in modo da risparmiare e poter provvedere all’affitto della moglie e agli alimenti con metà del suo stipendio di duemila euro da operaio in una ditta metalmeccanica di Olginate. Edlira invece arrotondava lavorando come donna delle pulizie e badante di anziani.

 

 

Pubblicato in: Città, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati