LE RICETTE DI LECCONEWS.LC
ZUPPA DI MARASCHE E/O CILIEGIE

LECCO – Oggi iniziamo una rubrica settimanale in cui vi proponiamo ricette semplici, fresche, tipiche e privilegiatamene della storia del territorio e della nostra regione. A volte dimenticate, a volte solo non famose, ma certamente in qualche casa ancora si fanno e soprattutto non si fanno mancare.

Questa di oggi, a base di frutta, è conosciuta già dal XVI secolo, nata probabilmente per smaltire in modo intelligente e gustoso le eccedenze produttive degli alberi da frutto.

Noi iniziamo oggi, tutti i venerdì, a pubblicare una ricetta,  ma se voi ne avete di interessanti, di gustose, da condividere e da consigliare, con l’unica preghiera che non siano adatte a trasmissioni televisive tipo Masterchef o da chef guru pieni di sé e di boria ( e che non ci sia mai, per favore, lo scalogno)  mandatece a questo indirizzo redazione@www.lecconews.news, saremo felici di condividerle con gli altri lettori.

Oggi è tempo di  Zuppa di Marasche e/o Ciliegie

Un invitante dessert estivo o semplice merenda, facile e rapida da preparare, profumata e energizzante con la forza della frutta fresca.

Da sempre sulle tavole lombarde è un dolce della tradizione che appunto grazie alla frutta riduce l’impiego di zucchero – soprattutto un tempo piuttosto raro e con il vino, rosso, lo rende particolare.

Un abbinamento interessante ed invitante, particolare, il rotondo e dolce uso delle ciliegie e l’aspro delle amarene. Un connubio da intenditori.

Preparazione
Tempo di esecuzione: 15 minuti
Difficoltà:  bassa

Ingredienti (per 6 persone):
Amarene snocciolate 1 kg, (da dividere con le ciliegie senza nocciolo se abbinate)  Vino rosso 6 bicchieri, 750gr; Zucchero ( anche grezzo) 250 gr.; Cannella, chiodi di garofano, scorza gialla di limone (q.b. quanto basta)  Fettine di pane nr.20

Procedimento
Portare ad ebollizione il vino, ove possibile in un recipiente di coccio; unire lo zucchero, la cannella, il chiodi di garofano e la scorza di limone; lasciar bollire fino a ridurre alla metà il volume; versare quindi le amarene e lasciar bollire adagio per un solo attimo; filtrare o scolare –  avendo cura di separare gli aromi – in una bacinella o zuppiera; riporre al fresco e poi servire.

La base è quindi una specie di “vin brulèe”, vino cotto con gli aromi, che è anche una formula antivirale contro i raffreddori.

Variante
Le fettine di pane, come nel 1500, si possono precedentemente friggere, leggermente, in poco burro.

Sebbene un poco più complicata – non di molto – è la versione antica tipica del pane cotto nel forno comune.

Si può cioè riempire con il liquido e la frutta il pane a “cassetta”, cioè la pagnotta rettangolare svuotata dalla mollica. In questo caso va passato in forno e servito caldo.

Ottimo accompagnamento a questo dessert è senza dubbio il vino Moscato liquoroso dell’Oltrepò pavese.

 

 

Pubblicato in: News

Condividi questo articolo

Articoli recenti

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .