LECCO/STIPENDI DEI BIBLIOTECARI,
RIFONDAZIONE ATTACCA
‘SU CONTRATTI DECIDE IL COMUNE’

ANGHILERI 1PLECCO – Bene ha fatto il consigliere Anghileri a sollevare la situazione dei lavoratori della biblioteca civica di Lecco. Sbagliano il Sindaco e l’Ass. Piazza a sostenere che il comune non può intervenire. Il comune, ovvero la stazione appaltante, ha tutti i margini di intervento: solo il comune di Lecco, fino ad ora, ha risparmiato sulle condizioni dei lavoratori in appalto.

Il Sindaco Brivio dichiara: “Non tocca a me dare un giudizio di merito”: e invece le tocca Sig. Sindaco. Come l’Ass. Piazza e il Sindaco dovrebbero sapere, al personale impiegato negli appalti per la gestione dei servizi bibliotecari dovrebbe essere garantito il diritto all’equa remunerazione anche rispetto alle retribuzioni orarie del personale dipendente direttamente dall’ente pubblico nel caso di mansioni analoghe. Questo può essere garantito applicando contratti nazionali e livelli di inquadramento compatibili con le mansioni richieste. Il comune può scegliere di indicare nel capitolato d’appalto il tipo di contratto nazionale più adatto: cioè può fare proprio quello che l’Ass. Piazza e il Sindaco dicono che non è loro responsabilità.

simona_piazzaÈ evidente a chiunque che il contratto multiservizi del comparto pulizie non è adeguato ma è stato scelto solo perché costa di meno. Perché invece non si è scelto di indicare nel capitolato come contratti di riferimento quelli di Federculture o del Commercio, sicuramente più adeguati al ruolo svolto e più tutelanti rispetto ai lavoratori? Si dice che le risorse sono scarse: ma per altri usi le risorse si trovano sempre come ha dimostrato l’ultimo consiglio comunale.

Se la biblioteca civica è un servizio di eccellenza della città, e lo è, va sostenuta con risorse più adeguate compresi gli importi per garantire in sede di appalto stipendi giusti ai lavoratori, visto che le risorse nei bilanci comunali ci sono. Chiediamo che non solo tutti e otto i lavoratori siano riassunti ma che venga adottato un contratto più adeguato al lavoro e al ruolo svolto. L’Ass. Piazza sarà sicuramente d’accordo con noi che per fare di Lecco una città della cultura, risparmiare sulla pelle di chi gestisce un servizio così importante come la biblioteca non è una buona scelta.

Feder. Prc Lecco

 

LEGGI ANCHE:

BIBLIOTECARI LAUREATI A 5€ L’ORA.
PIAZZA: “IL COMUNE PAGAVA
ALLA COOP 13,12 EURO LORDI”

23/05/2017
LECCO – In merito all’intervento di ieri sera in Consiglio comunale da parte del consigliere Alberto Anghileri – “La cooperativa che aveva vinto …

LECCO: IN CONSIGLIO SILEA,
LEUCI, CAMPO BIONE, BIBLIOTECA
E DUE “CASI AMBIENTALI”

23/05/2017
LECCO – Una panoramica dei temi caldi della città, il consiglio comunale di ieri sera, il primo con il nuovo segretario in supplenza Sandro De Martino, …

LECCO/BIBLIOTECARI A CASA,
ORE DECISIVE PER IL FUTURO
DELLA STRUTTURA CULTURALE

12/05/2017
LECCO – Ore decisive per le sorti della Biblioteca Civica U. Pozzoli e dell’ultima parte della stagione al Teatro della Società di Lecco. …

LECCO/TEGOLA SULLA BIBLIOTECA:
COOP FALLITA, IN OTTO A CASA.
SERVIZI DA RIDIMENSIONARE?

02/05/2017
LECCO – In meno di una settimana la lettera informativa e poi il licenziamento. Non è stato un bel primo maggio per i lavoratori della Società …

 

 

Pubblicato in: Cultura, politica, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .