MINISTRO MARTINA A VALMADRERA
MENTRE PIOVONO DURE CRITICHE
SUI “FORESTALI MILITARIZZATI”

maurizio martinaVALMADRERA – Sarà nel lecchese questo pomeriggio il ministro Maurizio Martina in occasione dell’inaugurazione della nuova stalla ristrutturata alla Cascina don Guanella di Valmadrera. Il ministro per le Politiche agricole, alimentari e forestali ha firmato giovedì il Decreto di smembramento del Corpo forestale dello Stato ed in queste ore si rivolgono a lui le critiche di tutti i sindacati di categoria. Il malcontento è evidente anche per gli agenti forestali che dovranno per lo più accettare il loro trasferimento in un corpo militare come quello dei Carabinieri.

“Ci sentiamo umiliati dal ministro Martina che non ci ha mai degnato di attenzione e che ora ci invia una lettera di congedo, perché veniamo soppressi, chiamandoci ‘cari forestali’”. Lo dichiarano  i segretari generali del Sapaf Marco Moroni, dell’Ugl Danilo Scipio, del Snf Andrea Laganà, della Fns Cisl Pompeo Mannone, della Cgil Cfs Francesca Fabrizi e del Dirfor Maurizio Cattoi. “Proprio lui che non ci ha mai degnato di attenzione – dicono i sindacati – ora parla di ‘passaggio storico’, di ‘mantenimento della specializzazione’ e di ‘rafforzamento del presidio territoriale’? Lo sa il ministro che il decreto disperderà gli ex forestali ovunque, non solo nei carabinieri ma anche nelle altre forze dell’ordine, pur in misura ridotta, nei vigili del fuoco, in decine di amministrazioni statali e non, che accoglieranno tutti coloro che rifiutano la militarizzazione forzata?”.

Logo -Corpo forestale dello stato_1

Le organizzazioni dei forestali attaccano:Il decreto di accorpamento tratta i forestali, oggi specialisti di serie A, come  carabinieri di serie C, umiliandoli e negando loro anche lo stesso trattamento oggi in vigore nell’Arma per i pari grado. Se siamo trattati già all’ingresso come fratelli scemi, figuriamoci quale garanzie possiamo avere per il futuro”.

“Si pensa di affrontare i problemi della sicurezza – concludono i sindacati  – militarizzando i forestali, anziché assumere 10.000 carabinieri e poliziotti, addestrarli e rispettare la specificità e i compiti delle forze dell’ordine oggi esistenti. Che c’entra la Forestale con il Ministero della Difesa e con i suoi compiti? Quanti costi e disagi dovremo affrontare noi, gli stessi carabinieri e anche i cittadini italiani per questa pseudo riforma?”.

 

 

 

 

Pubblicato in: politica, Valmadrera, Ambiente, Città, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati