MURETTI A SECCO SUL BARRO.
L’INTERVENTO DEI VOLONTARI
TRA CAMPORESO E MIGLIORATE

wwf-barro-muri-a-secco-3GALBIATE – È il sesto anno ormai che Parco Monte Barro e WWF Lecco propongono con successo l’attività sui “muretti a secco“, manufatti di ingegneria edilizia a cui l’uomo ricorre per conquistare nuovi spazi, spesso da destinare alla coltivazione su pendii collinari o montuosi altrimenti impossibili da sfruttare, ma anche luoghi di importante valenza ambientale per le numerose specie vegetali e di microfauna che queste strutture possono ospitare.

wwf-barro-muri-a-secco-2Sabato 22 ottobre, in una fredda mattina autunnale, un gruppo di una decina di volontari coordinati dal tecnico Michael Wolfger, ha provveduto alla ristrutturazione di un tratto di muretto a secco lungo un sentiero che collega Camporeso a Migliorate, sulle pendici sud occidentali del Monte Barro. Dalla preparazione dei sito alla ricostruzione del basamento e via via fino alla finitura, un tratto di muro ha ripreso vita in tutto il suo originario splendore.

L’iniziativa sui muri a secco è solo una delle numerose attività che gli attivisti del WWF Lecco portano avanti all’interno dell’area protetta del Parco Barro, andando ad affiancarsi alle ricerche sul gambero di fiume, alle bugbox per favorire la presenza di insetti impollinatori, alla manutenzione naturalistica degli stagni… in un susseguirsi di impegni per la tutela dell’ambiente e della biodiversità.

 

wwf-barro-muri-a-secco-5

Pubblicato in: Ambiente, Galbiate, Città, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati