NAVA: I 7 MILIONI SOTTRATTI
ALLE RISCOSSIONI TORNINO IMMEDIATAMENTE AGLI ENTI LOCALI

LECCO – “Se i soldi, frutto di riscossioni per affissioni pubblicitarie, sono stati impiegati dal soggetto in questione per incredibili fini personali, tra cui l’acquisto di cavalli da rodeo e la ristrutturazione di appartamenti personali, c’è solo una strada per dimostrare l’efficienza di uno Stato moderno: si evitino i soliti sequestri che non permettono ai destinatari frodati di ricevere i soldi, se non dopo tempi lunghissimi, e si provveda immediatamente a versare le somme agli Enti locali oggetto della truffa”.

Lo ha dichiarato incredulo Daniele Nava, presidente della Provincia di Lecco, dopo l’arresto per peculato del presidente del Consiglio di Amministrazione della AIPA, società specializzata nella riscossione di tributi dagli enti pubblici che avrebbe sottratto negli anni circa 7 milioni di euro destinati ad alcune amministrazioni locali. “In un momento di difficoltà per le casse della Pubblica Amministrazione è necessario che almeno ciò che spetta agli Enti entri in cassa senza ritardi”.

 

 

Pubblicato in: Città, Hinterland, Economia, News

Condividi questo articolo

Articoli recenti