IL LECCHESE FORMIGONI
NON E’ PIU’ GOVERNATORE.
IL TESTIMONE VA A MARONI

Le prime parole di Roberto Maroni da nuovo presidente della Regione Lombardia

MILANO – Roberto Maroni è stato proclamato ufficialmente presidente di Regione Lombardia dalla Corte d’Appello. Il passaggio di consegne tra il presidente uscente Roberto Formigoni e il nuovo presidente Roberto Maroni è avvenuto a Palazzo Lombardia, nell’atrio del nucleo NP. Formigoni ha consegnato a Maroni il campanellino, simbolo dell’autorità e del ruolo di presidente.

E con il governatore che se ne va, sembra quasi “sparire” la forte pattuglia lecchese presente da anni in regione. Alla fine sarà il solo assessore “esterno” Antonio Rossi a rappresentare il nostro territorio nel governo regionale: via il cognato di Formigoni Giulio Boscagli, sembra certo che “salterà” anche l’altro assessore De Capitani. Una mazzata per Lecco e la sua Provincia, che a questo punto chiedono grandi sforzi ai consiglieri eletti nella recente tornata alle urne: Mauro Piazza (Pdl), Raffaele Straniero del Pd e Antonello Formenti per la Lega.

https://lecconews.news/wp/wp-content/uploads/2013/02/CONSIGLIERI-LECCHESI-REGIONE1.jpg

IL PASSAGGIO DI CONSEGNE – “Sono molto lieto e onorato – ha detto Formigoni – di passare a Roberto Maroni la responsabilità così importante di guidare una regione straordinaria come la Lombardia, che entrambi amiamo moltissimo. Condividiamo anche la grande stima per la nostra gente e la sua laboriosità. Conosciamo la passione delle nostre associazioni e delle nostre famiglie. Maroni ha intensamente desiderato di governare la Lombardia, si è assunto i suoi rischi e ha vinto la battaglia. A lui rivolgo i miei migliori auguri”.

FORMIGONI LASCIA A MARONI
PRIORITÀ A LAVORO E MACROR
EGIONE – “Con grande emozione – ha detto Maroni – assumo una responsabilità importante. Voglio continuare l’esperienza di buon governo di chi mi ha preceduto, valorizzare le eccellenze che ci sono e migliorare il lavoro svolto. Ho infatti l’ambizione di fare meglio”. Maroni – che ha ringraziato Formigoni e il segretario generale uscente Nicola Sanese, cui subentrerà Andrea Gibelli – ha annunciato che avrà una squadra di 14 assessori (7 uomini e 7 donne), che verrà insediata domani. “Da oggi – ha proseguito – sono al lavoro sulle tante urgenze che ci sono. La prima è il lavoro e la crisi economica”. A questo proposito Maroni ha ricordato di aver già incontrato i sindacati sul tema specifico della Cassa integrazione in deroga – strumento da lui stesso promosso da ministro -, che aiuta i lavoratori delle aziende in crisi, dato che i soldi stanziati per il 2013 per la Lombardia sono già finiti. “Ho incontrato il ministro Fornero – ha riferito Maroni – chiedendo di stanziare ulteriori fondi, ma mi ha risposto che i soldi non ci sono”.

SERVE GOVERNO A ROMA – Questo dunque il primo tema da affrontare, insieme a quello delle infrastrutture e della macroregione “necessaria per aumentare la capacità di intervenire sulle politiche nazionali”. Il presidente Maroni si è augurato a questo proposito che nasca presto a Roma un Governo con pieni poteri “che possa dunque essere un interlocutore al 100 per cento”.

SALA DEI 500 INTITOLATA A BIAGI – Maroni ha inoltre annunciato che domani, martedì 19 marzo, anniversario della morte di Marco Biagi, la Sala dei 500 di Palazzo Lombardia (la più grande e importante della sede regionale) sarà intitolata al giuslavorista ucciso dalla Brigate Rosse. Alla cerimonia, prevista alle 17, sono stati invitati tutti i consiglieri regionali. Maroni ha infine riferito di aver chiesto al presidente uscente del Consiglio regionale di convocare la prima seduta del Consiglio stesso per il prossimo 28 marzo.

(Lombardia Notizie)

 

 

Pubblicato in: Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati