OSTELLO, LA MAGGIORANZA
REPLICA ALLE ACCUSE:
“C’È CHI GRIDA E CHI LAVORA”

LECCO – “L’apertura dell’Ostello di Lecco – dichiara la consigliera comunale Anna Sanseverino, presidente della commissione Turismo e Cultura – è certamente un tema che sta a cuore a tutti i consiglieri e non solo a una parte. Per questo il sopralluogo organizzato a metà novembre ci ha permesso di verificare in prima persona come stanno le cose: durante i mesi estivi Ristogest ha lavorato in modo puntuale e solerte e infatti i diversi ambienti sono molto curati e pronti ad essere utilizzati”.

“Alcuni consiglieri – prosegue l’esponente del partito democratico cittadino – sembrano più interessati a gridare allo scandalo piuttosto che a riconoscere tutto il lavoro messo in atto in questi mesi dagli uffici del Comune e dallo stesso gestore. Sicuramente la storia infinita di diciassette anni di cantiere non ha aiutato a mettere insieme tutte le carte che servono per l’apertura. Non è esatto, tuttavia, affermare che non ci fossero tutte le autorizzazioni al momento della chiusura del cantiere: al contrario i Vigili del Fuoco, come ben precisato durante il sopralluogo del 18 novembre scorso, già nel luglio 2021 avevano dato parere positivo sul collaudo della struttura, seppure vincolato a una nuova verifica dopo l’installazione dell’area fuochi in cucina e il completamento dell’arredamento”.

“Sorprende – conclude Sanseverino – che la minoranza, dopo aver chiesto per mesi il pagamento del canone dovuto dal gestore, diventi improvvisamente avvocato difensore e chieda di rivedere gli obblighi contrattuali, dimenticandosi dell’impegno sottoscritto dal gestore ad aprire la struttura entro cinque mesi dalla firma del contratto. E in primavera il problema non erano certamente le certificazioni sui mobili, dato che i mobili non erano ancora stati scelti e ordinati! Per fortuna gli attuali dirigenti comunali hanno ben chiaro l’obiettivo dell’amministrazione e il dialogo con il gestore sta portando a individuare tutte le soluzioni tecniche necessarie per garantire la presentazione della Scia e la fondamentale apertura dell’ostello che, proprio per la qualità messa in campo da chi l’ha allestito in questi mesi, merita più rispetto e non la ricerca della polemica fine a sé stessa”.

 

LEGGI ANCHE

OSTELLO, ‘LECCO MERITA’: “MANCANO I CERTIFICATI, IL COMUNE LO HA NASCOSTO”

 

 

Pubblicato in: Città, News, politica, Turismo Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati


GixSoft88 Rev. 022022 .