PARITARIE/ACCORDO A UN PASSO.
LA MAGGIORANZA FA QUADRATO
ATTORNO A TORRI E GATTINONI

LECCO – Si stanno compiendo in questi giorni gli ultimi passaggi per la definizione della nuova Convenzione tra il Comune di Lecco e l’Associazione delle Scuole dell’Infanzia Paritarie. Si è trattato di un percorso lungo, avviato lo scorso ottobre, fatto di tanti incontri e diverse occasioni di ascolto e dialogo che hanno visto impegnati in prima persona l’assessore Torri e il sindaco Gattinoni.

In quest’occasione desideriamo come forze politiche, innanzitutto, ribadire che abbiamo sempre riconosciuto l’importante ruolo educativo e sociale rivestito dalle scuole pubbliche paritarie, realtà radicate nella nostra città, apprezzate dalle famiglie che le scelgono (pari al 75% di quelle presenti in città) e punto di riferimento per i rioni, soprattutto i più periferici. Per questo mai abbiamo messo in dubbio i valori che stanno alla base della cura ai bambini e alle loro famiglie, ma abbiamo sempre considerato un’autentica ricchezza il prezioso lavoro svolto dalle maestre e dai volontari che a vario titolo collaborano per un mantenimento di queste realtà, a partire dai Presidenti.

Una nuova Convenzione deve anche essere capace di tenere conto del cambiamento dei tempi, dell’andamento delle curve demografiche che possono rendere insostenibili modelli operativi troppo rigidi, dei cambiamenti professionali e degli stili di vita delle famiglie, delle evoluzioni dei bisogni di bambini a partire dai più fragili. Per questo occorre avere uno sguardo ampio, che abbracci le prossime generazioni, suggerendo un percorso dinamico capace di reinvestire continuamente risorse economiche a sostegno della qualità dell’offerta.

In questo senso si muove l’attuale proposta dell’Amministrazione comunale, pur a fronte di squilibri strutturali oggi presenti, sia sul piano normativo, sia sul piano dei contributi che già Stato e Regione erogano alle scuole paritarie.

Da qui i cinque punti cardine della proposta di Convenzione che sosteniamo: nessuna riduzione del contributo totale che il Comune riconosce all’Associazione (1.400.000 euro all’anno); a fronte di eventuali cali di iscrizioni, reinvestimento costante di risorse per il sostegno delle scuole, in particolar modo quelle più periferiche; estensione della durata della Convenzione da 3 a 5 anni quale elemento di maggiore garanzia gestionale; più risorse per il singolo bambino; possibilità di risorse ulteriori extra-convenzione per progettualità facoltative da definire insieme.

Siamo a un passo dal punto di equilibrio: la proposta, sulla quale si lavora dall’autunno 2021, proprio in virtù dell’ascolto attento e costante dei Presidenti, ha già recepito alcune diverse istanze presentate dall’Associazione: ad esempio è stato eliminato il vincolo obbligatorio di progettualità (attualmente 5%, che sarebbe stata nostra intenzione portare al 30%), così come proponiamo di semplificare il sistema di rendicontazione, senza rinunciare alla dovuta trasparenza, ma riunendo il contributo di gestione e quello per disabilità.

Siamo certi che l’attento e rispettoso lavoro di dialogo di questi ultimi giorni permetterà di costruire una buona Convenzione, con il comune obiettivo di far ripartire con serenità la scuola dell’infanzia a settembre.

I capigruppo di maggioranza in Consiglio comunale
Alessio Dossi – AmbientalMente Lecco
Alberto Anghileri – Con la Sinistra cambia Lecco
Matteo Ripamonti – Fattore Lecco
Antonio Pattarini – Partito Democratico

 

 

Pubblicato in: Città, Cultura, Economia, Giovani, News, politica, Scuola Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati