PREMIATI AL POLITECNICO
I VINCITORI DEL CONCORSO
“LEGO BUILD THE CHANGE”

foto politecnico concorso lego premiazioneLECCO – Si è conclusa ieri, nell’aula magna del Politecnico in via Ghislanzoni, la cerimonia di premiazione di “Lego Build the Change – Casa sull’Acqua”, concorso di progettazione per lo sviluppo di unità abitative localizzate sull’acqua modulari e aggregabili, inconfondibili caratteristiche dei famosi mattoncini.

La call, bandita dal Polo territoriale di Lecco, in collaborazione con Lego Italia Spa, è nata come prosecuzione dell’edizione 2016 di “Lego Build the Change”, iniziativa rivolta ai bambini che, in quell’occasione, realizzarono più di 3.000 costruzioni attenendosi al tema “Costruisci la tua casa sostenibile”.

Le tematiche “green” sviluppate dai bambini attraverso i modellini hanno ispirato il concorso di progettazione “Casa sull’Acqua” che l’ateneo ha proposto agli studenti della laurea magistrale e del quarto e quinto anno di Ingegneria Edile-Architettura Scuola di Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni.

premiazione concorso lego politecnicoL’iniziativa ha avuto un grande successo, 31 progetti presentati, per un totale di 75 studenti che si sono messi in gioco per aggiudicarsi l’ambìto premio in palio: la realizzazione in mattoncini Lego dell’elaborato vincente.
Il modello, che sarà realizzato grazie alla preziosa collaborazione di Itlug – associazione indipendente di appassionati Lego – sarà poi esposto in una vetrina del Lego Store di Piazza San Babila a Milano, a partire dalla seconda metà di giugno.

“L’iniziativa – afferma Manuela Grecchi, prorettore delegato del Polo di Lecco – è stata di grande richiamo, sia per gli studenti italiani, sia per quelli internazionali, attraendo anche molti studenti dalle sedi di Milano. L’intramontabile fascino dei mattoncini colorati ha saputo unire ragazzi di differenti culture e formazione, che hanno lavorato con grande impegno e creatività. In fase di valutazione, è stato interessante notare l’approccio progettuale adottato, che ha saputo coniugare competenze ingegneristiche e architettoniche e i criteri ispiratori del sistema modulare Lego”.

“Siamo molto contenti che le soluzioni creative nate dalla fantasia e creatività dei bambini durante l’evento “Lego Build The Change” si siano trasformate in nuove idee per un futuro più sostenibile – commenta Camillo Mazzola, direttore marketing Lego Spa -. I più piccoli hanno vissuto “Lego Build the Change” come una vera esperienza di apprendimento e si sono divertiti molto. Gli studenti del Politecnico hanno mostrato altrettanto entusiasmo verso il mattoncino trasformando la casa sull’acqua in un progetto reale. Questo è esattamente quello che speravamo di ottenere con “Lego Build The Change”: dare spazio e visibilità alle idee e alle creazioni dei bambini, in quanto vere e proprie ispirazioni per il futuro”.

Il progetto vincitore "LEGOrbusier".

Il progetto vincitore “LEGOrbusier”.

La giuria ha decretato vincitore il progetto:
LEGOrbusier
di Mohamed Wageh, Mihran Jaghlassian e Riccardo Pivetta

Il progetto, interpretando il tema della Casa sull’Acqua con giocosa ironia, riesce a conciliare al meglio una proposta tecnica e architettonica interessante con alcuni degli aspetti caratteristici del sistema Lego, non soltanto la modularità, l’assemblaggio e la flessibilità, ma anche la creatività, il gioco e il divertimento.

Il secondo progetto meritevole di menzione, secondo la giuria.

Il secondo progetto meritevole di menzione, secondo la giuria.

La commissione ha reputato inoltre meritevole di una menzione speciale il progetto: NIMPHAEA
di Giulia Spoto, Stefano Maria Ardizzon e Michael Spanò

L’elaborato interpreta il tema dell’assemblaggio modulare, tipico del sistema Lego, in modo interessante e innovativo, in grado di dar vita a un insieme architettonico non banale, reinterpretando giocosamente una tipologia tradizionale e consolidata come quella della casa su palafitta.

La giuria era composta da:
Manuela Grecchi, prorettore delegato del Polo territoriale di Lecco
Chiara Lattuada, associate retail activation manager, Lego Italia Spa
Marco Chiappa, past president Itlug – Italian Lego Users Group
Marco Muscogiuri, docente del Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e dell’Ambiente Costruito, Politecnico di Milano
Filippo Pagliani, founder architect Park Associati
Matteo Ruta, coordinatore del Consiglio di Corso di Studi in Ingegneria Edile- Architettura

 

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, Eventi, Giovani, tecnologia, Associazioni, Città, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .