4 STUDENTI DEL ‘GRASSI’
FINALISTI E RICERCATORI ESA,
AGENZIA SPAZIALE EUROPEA

LECCO – Un po’ contest ( una gara che più che altro è stimolo di confronto con altri studenti) e un po’ ricerca vera e propria. Bravi al punto di arrivare in finale del progetto “AstroPi – Mission Space Lab” promosso dall’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea a cui hanno partecipato 800 studenti europei e di Slovenia, Canada, Lituania, Lettonia e  Malta.

F2D2 è il nome che i quattro studenti/scienziati hanno scelto. La squadra [nella foto di copertina] è composta dagli alunni Tommaso Dognini, Pietro Donghi, Stefano Fanciosti e Lorenzo Fumagalli della classe 5G opzione scienze applicate del Liceo Scientifico e Musicale G.B. Grassi di Lecco, guidato dalla docente di matematica e fisica Emanuela Magni.

Come s’intuisce il nome riprende simpaticamente quello del famoso robottino della saga di Star Wars, R2-D2 modificato con le iniziali dei cognomi dei membri del team. Il progetto prevede di realizzare un codice per eseguire indagini di carattere scientifico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, la ISS. Stimola, quindi,  l’applicazione di conoscenze scientifiche, fisiche e matematiche soprattutto nel campo della programmazione in linguaggio Python.

L’ESA ha fornito a ogni squadra un computer e dei sensori, utilizzati per condurre le indagini. In particolare per il gruppo lecchese è stata fondamentale la telecamera a infrarossi.

Con questa, la squadra F2D2 ha sbirciato la salute e lo stato di salute della vegetazione terrestre attraverso la telecamera a infrarossi, studiando i valori ottenuti con una scala di riferimento: l’indice NDVI, strumento utile per valutare la vitalità della vegetazione.

Poi si è provveduto a l’osservazione all’analisi dei dati raccolti: le immagini così ricavate sono state confrontate con le informazioni  elaborate da vari enti internazionali. Un lavoro che ha reso possibile monitorare l’evoluzione della vegetazione locale e comprendere l’impatto di fenomeni quali incendi boschivi, siccità estrema e cambiamenti climatici, nel nostro pianeta.

La squadra si è classificata per accedere all’ultima fase del progetto, per la quale sono stati selezionati 300 partecipanti.

Per il rush verso il traguardo serve analizzare in maniera originale e completa i dati ricevuti. Il verdetto verrà annunciato non prima di luglio, una estate davvero calda ed emozionante per Tommaso, Pietro, Stefano e Lorenzo alle prese anche con l’altra sfida importante: la maturità.

 

DALL’ARCHIVIO DI LECCO NEWS:

DA LECCO AL CERN DI GINEVRA, LA PROF. MAGNI DEL LICEO GRASSI ALLA RICERCA DELL’ANTIMATERIA

Pubblicato in: Città, Cultura, Dal mondo, Giovani, In vista, News, Scuola, tecnologia Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati