“RIFUGI, FARI DELLE MONTAGNE”.
TRA STORIA, MODE E MERCATO
IL MONITO A NON RENDERLI HOTEL

Capanna Solvay, Cervino, via normale svizzera.Nei rifugi ho passato molti momenti tra i più belli della mia vita. Notti di attesa angosciata per qualche salita, serate di amicizia aiutata dal vino, storie pazzesche e canti stonati di fondo e quando, prima di andare a dormire, uscivi a vedere che tempo facesse, avevi, ogni volta, la sensazione di vivere il momento più bello della vita. Per questo, per me, i Rifugi rimangono un luogo incantato dove vivere momenti intensi e bellissimi.

Un giorno, su un libro ho trovato questa fotografia: i gestori del rifugio Hintergrat all’Ortles. La trovo una fotografia bellissima, un’immagine che può spiegare più di tante parole.

Quando mi capita di parlare di rifugi a dei bambini tutto diventa semplice…

> CONTINUA A LEGGERE su
link-valsassinanews

 

 

Pubblicato in: Cultura, Lettere a LeccoNews, Montagna, Ambiente, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati