TRENI, PENDOLARI IN RIVOLTA:
L’AMARISSIMA CRONACA
DI DUE GIORNI DA DIMENTICARE

Ieri, 20 gennaio 2016, a seguito del guasto alla motrice del treno S7 5156 tra le stazioni di Oggiono e Molteno la circolazione dei treni è rimasta bloccata tra le due stazioni.

Il treno S7 5158 è stato soppresso da Lecco a Molteno per permettere le operazioni di recupero del treno guasto, fermo a circa un km e mezzo dalla stazione di Molteno. Lo stop del 5156 è durato fino alle 19.00 cioè fino a quando il macchinista, azionando l’altra motrice, ha condotto il treno fino a Molteno: i
 pendolari sono stati costretti a rimanere sul treno per 2 ore malgrado le richieste pressanti da parte dell’utenza di potere scendere e continuare il tragitto a piedi fino a Molteno.
 
Di conseguenza dopo le ore 17.00 anche gli altri treni che transitano lungo la stazione di Oggiono hanno subìto forti ritardi.

RITARDI

In particolare chi doveva proseguire la corsa verso Como utilizzando il treno che parte da Molteno, non ha avuto altra alternativa se non utilizzare mezzi privati: purtroppo infatti anche il treno S7 5150 proveniente da Lecco, con passaggio a Oggiono alle 19.27, aveva un ritardo di 40 minuti non consentendo ai pendolari della Como-Lecco di prendere l’ultima corsa delle 19.36.
Come se non bastasse, anche questa mattina, 21.01.2016, il treno 5201 proveniente da Como e diretto a Lecco, con composizione a 2 carrozze anzichè 3 come normalmente dovrebbe essere la composizione per quella corsa che trasporta un totale di circa 250-300 persone, ha subìto mezz’ora di ritardo, generando ancora disagi per gli studenti che frequentano gli istituti lecchesi.
Questa volta la motivazione del ritardo era dovuta a un guasto al SCMT, ossia al sistema controllo marcia treno.

I pochi fortunati che sono riusciti a “recuperare” in corner il treno suddetto, hanno viaggiato sul “bus” MI231, bus che giornalmente fa servizio tra Merone e Oggiono, recuperando il treno in ritardo nella stazione di Molteno, arrivando comunque a scuola oltre l’orario canonico.BUS SOSTITUTIVO TRENI - Copia


I 13 passeggeri che sono riusciti a prendere il bus, di cui si allega foto, hanno potuto usufruire di questo servizio per le indicazioni di un pendolare che ne conosce “le fattezze”: detto bus, come si evince dalla foto allegata, non riporta nessun cartello che indichi la destinazione finale! nonostante le pressanti richieste del Comitato Pendolari a Trenord per la posa di suddetto cartello a bordo bus.
 
Anche i treni 5204 e 5205, rispettivamente in direzione Como e Lecco, hanno subìto ritardo per via della ripercussione del ritardo del 5201.
.
Comitato Pendolari Como-Lecco
.
Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, Città, Hinterland, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati