UNA LAS VEGAS SUL LAGO: CONSONNO FANTASMA
FA IL GIRO DEL WEB

immagine da consonno.it

immagine da consonno.it

OLGINATE – Sono trascorsi 50 anni dal sogno di Mario Bagno di veder sorgere un paese dei balocchi sui resti del paesello di Consonno.

Ora quel luogo non è altro che una città fantasma, il triste risultato di una speculazione edilizia, ed è tornato a far parlare di sé. Likemimagazine.com, un seguitissimo blog che si occupa di arte in ogni sua declinazione, ha inserito il paesello arroccato nel monte Barro tra i dieci luoghi abbandonati più belli d’Italia; la galleria fotografica, effettivamente molto suggestiva, in pochi mesi è diventata virale.

Alla frazione abbandonata di Consonno è dedicato anche un sito internet con approfondimenti storici e informazioni pratiche ma ecco come Lettera43, sito d’informazione online, presenta la “Las Vegas della Brianza”.

las vegas consonno 2Consonno è una frazione del comune di Olginate, in provincia di Lecco. L’8 gennaio 1962 l’industriale Mario Bagno comprò l’immobiliare Consonno Brianza che possedeva tutte le abitazioni del borgo. Il paesino fu completamente demolito. Al posto dell’antica Consonno fu costruita la “Las Vegas della Brianza”: un grande centro commerciale e di divertimento, facile da raggiungere perché a poca distanza da Milano. Furono quindi costruiti edifici commerciali e d’intrattenimento: una galleria commerciale arabeggiante con minareto, un castello medievale come porta di ingresso, oltre a un albergo di lusso (l’Hotel Plaza). Inoltre nei piani di Mario Bagno sarebbero dovuti sorgere campi da pallacanestro, da calcio, da minigolf, un giardino zoologico e un circuito automobilistico. Ma tutto questo non avvenne. Dopo l’attenzione iniziale, dettata soprattutto dalla novità del posto, la Consonno “città dei balocchi”, principalmente a causa di una serie di frane che spazzò via la nuova strada che la collegava con il centro di Olginate, cadde nell’oblio e nell’abbandono ancor prima di essere completata. Dal 29 giugno al primo luglio 2007 alcune centinaia di persone parteciparono al rave party Summer Alliance organizzato illegalmente proprio all’interno delle strutture di Consonno e le distrussero.

E proprio in queste ore i Carabinieri hanno identificato una trentina di persone, quasi tutti giovani del Lecchese, che con ogni probabilità stavano preparando un nuovo “rave”. Comunque, i controlli effettuati non hanno portato ad alcuna denuncia.

C.C.

Pubblicato in: Cultura, Giovani, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .