CRANDOLA/ROGO AL ‘CICLAMINO’:
LA CASSAZIONE ASSOLVE BERI,
NON ATTENDIBILI I TESTIMONI

CRANDOLA VALSASSINA – Condanna annullata in Cassazione per Maurizio Beri, ritenuto dal Tribunale di Lecco e dalla Corte d’Appello di Milano responsabile dell’incendio alla pizzeria Ciclamino di Crandola del 18 dicembre 2010.

Nel rogo morì la 56enne Rosa Antonia Invernizzi, originaria di Calolziocorte, contitolare del locale insieme al marito Roberto Floreano, perché rimase intrappolata dopo essere rientrata ad incendio in corso, forse per raccogliere degli oggetti.

Le motivazioni della Suprema Corte, depositate pochi giorni fa, smontano le conclusioni dei precedenti tribunali che avevano condannato il Beri a nove mesi partendo dalle testimonianze dei figli dei titolari…

> CONTINUA A LEGGERE su

ROGO DEL CICLAMINO. LA CASSAZIONE RIBALTA TUTTO: ASSOLTO L’INSTALLATORE, TESTIMONI INATTENDIBILI

 

 

Pubblicato in: Valsassina, Nera Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .