LA STORIA MOLTO LECCHESE
DI ‘MANAF KING’, L’AGGRESSORE
DELLA STAZIONE “ASSOLTO”
PER INFERMITÀ MENTALE

L'immagine può contenere: 1 persona, primo pianoPRIMALUNA – Se lo ricordano in tanti, in Valsassina, Manaf. Nome completo Aboudel Manaf Cocobissi, originario del Togo ma in Italia fin da giovanissimo (oggi ha 24 anni).

Lui è l’aggressore che ha colpito malamente due donne nel sottopasso ferroviario di Lecco e oggi è stato in qualche modo “assolto” – ma si farà due anni in quello che una volta si chiamava manicomio e adesso è una REMS: Residenza per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza, una struttura sanitaria di accoglienza per gli …

L’ARTICOLO COMPLETO QUI:

MANAF, L’AGGRESSORE DELLA STAZIONE DI LECCO ABITAVA IN VALSASSINA. “ASSOLTO” OGGI PER INFERMITÀ MENTALE, DI LUI DICONO…

 

Pubblicato in: Immigrazione, Città, Valsassina, Nera Tags: , , ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati