SOLIDARIETÀ 4X4: I LECCHESI
RICHIAMATI IN ABRUZZO
CON FUORISTRADA E ROTOBALLE

WhatsApp Image 2017-03-22 at 13.52.55

LECCO – Una nuova avventura per il Gruppo 4×4 Lecco e Brianza che, in questi giorni, ha ricevuto un importante riconoscimento in seguito agli aiuti portati in Abruzzo: l’ufficiale iscrizione all’albo della Prefettura di Pescara come gruppo di soccorso alla popolazione colpita dagli eventi sismici.

A gennaio avevamo raccontato una prima spedizione di soccorso a cui ne era seguita una seconda nel giro di due settimane: “Grazie alla generosità dei lecchesi e delle aziende del territorio, siamo riusciti a riempire cinque fuoristrada e un carrello di indumenti termici, cibo, pale…- racconta Andrea Faiella che ha condotto l’operazione -. Così abbiamo potuto, seguendo le indicazioni dei Vigili del Fuoco, aiutare il paese di San Giorgio, situato proprio di fronte al Gran Sasso, alcune aziende agricole di Teramo e perfino le famiglie dell’Aquila, persone con cui siamo ancora in contatto”.

WhatsApp Image 2017-03-22 at 23.24.19Circa due settimane fa una nuova chiamata, direttamente dalla Prefettura di Pescara: a seguito del sisma molte aziende agricole avevano esaurito le poche scorte di fieno per gli animali da stalla. In collaborazione con l’Associazione Gran Sasso Soccorso, che ha trovato i mezzi, e la Polizia di Stato, che ha coordinato l’operazione, il Gruppo 4×4 Lecco lancia una colletta: “Siamo riusciti a raccogliere in breve tempo circa 300 euro con cui abbiamo potuto acquistare alcune rotoballe di fieno che potranno aiutare gli animali di circa 6-7 aziende di Amatrice e dintorni – spiega Andrea Faiella -. Proprio ieri, martedì 22 febbraio, il bilico che trasportava gli aiuti lecchesi è arrivato ad Amatrice e già oggi è iniziato lo scarico e la distribuzione. Speriamo di aver dato il nostro contributo: ora che siamo iscritti all’albo siamo pronti ad ulteriori chiamate, ma ci auguriamo per il bene della popolazione colpita, che questo sia l’ultimo momento di crisi in cui sono costretti a chiedere aiuti”.

Chiara Vassena

 

 

Pubblicato in: Giovani, In vista, Associazioni, Città, Hinterland, Valsassina Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati