SPECIALE CULTURA ED EVENTI:
ECCO I FATTI PRINCIPALI
DEL 2015 DA RICORDARE

LECCO – Il 2015 verrà annoverato per essere stato l’anno di Expo, l’Esposizione Universale che ha spronato la città di Lecco nel promulgare iniziative turistico – culturali volte a far confluire l’Expo tourism nella nostra Provincia, anche se non sono mancati i flop.

nameless pubblicoExpo ha portato con sé critiche, tra le quali il fatto che “a Lecco abbiamo solo il Nameless di Barzio”, ma anche la voglia di espandersi, come la regata della Lucie e l’allestimento della mostra su De Chirico. Anche se, dopo cinque mesi di Expo, la domanda ancora non ha trovato risposta, cosa ne sarà di Expo?

Il 2015 verrà ricordato anche per due eventi tragici legati alla vicina Francia, la strage di Charlie Hebdo, che ha compromesso l’intera categoria del giornalismo nel principio della libertà di stampa; e gli attacchi terroristici del 11 novembre.

Tra gli anniversari celebrati quest’anno abbiamo: i 1000 anni del Lavello di Calolziocorte, il numero zero in edicola del “Fascino degli intellettuali”, 110 anni per il Rotary Club, la Canottieri ha spento ben 120 candeline, un secolo fa nasceva AFS Intercultura, sono stati celebrati 20 anni di Amnesty Lecco e il premio alla longevità è stato consegnato al Lario per i suoi 6 milioni di anni, compiuti il 18 ottobre.

Sulla scia di Expo, molte sono state le iniziative promosse per allargare il bacino d’utenza turistico della provincia lecchese, non solo De Chirico, da segnalare la mostra “Da Morandi, a Sironi, a Morlotti” conclusa con il rientro in patria della celebre opera di Ennio Morlotti “L’Adda da Imbersago”, sono state restaurate la statua di Stoppani e quella del Manzoni ancora in corso d’opera, sono previsti 100.000 per i lavori a Villa Manzoni.

Non sono mancate le critiche alle opere pubbliche, come testimoniato da un servizio di Rai2 di Daniele Rotondo, il quale riporta alcune negligenze del settore turistico, nonostante il suo reportage non manchi di inesattezze. Altro attentato all’autostima lecchese, l’affermazione del premier Renzi “I promessi sposi a scuola andrebbero eliminati”, un duro colpo alla terra del romanzo, subito soccorsa dalle parole del sindaco Brivio e dell’assessore Tavola.

LUIS SEPULVEDA23-10-08 LISBOA - LISBOAFOTO DE PEDRO SIMOESNotizie dal mondo: naturalizzazione a cittadino lecchese onorario dello scrittore cileno Luis Sepulveda; sempre in tema globale, manca sempre meno al raduno Wikipedia ad Esino Lario previsto per il 2016, terreno fertile per le polemiche tra provincia e regione: Polano, dopo aver ricevuto 300.000euro dalla Regione per la SP65, non ha pensato di invitare i colleghi del Pirellone al meeting tenutosi il 1 dicembre.

Restano da risolvere le questioni cinema e biblioteca: unico cinema presente in città resta il Palladium e 300 cittadini hanno firmato una petizione per introdurre una multisala nell’area del Bennet alle Piazze, rimasta vuota. Per quanto riguarda il sistema bibliotecario digitale, conclude positivamente il primo anno con quasi 30.000 accessi per un totale di 2.190 utenti.

Le scuole lecchesi celebrano l’egemonia del Liceo Classico, il modello scolastico all’inglese del Bertacchi e l’influenza positiva del nuovo polo lecchese del Politecnico di Milano, il quale ha ricevuto a fine anno 100.000euro per la realizzazione di un braccio robotico, e ha portato avanti una serie di iniziative e collaborazioni, in particolare con gli studenti giapponesi.

marcia piedi scalzi 3Lecco guadagna 10 punti nella classifica del sole 24 ore sulla qualità della vita nelle città italiane, ma ciò non sembra ripercuotersi sulla risoluzione dei problemi relativi alla qualità di vita e al sostegno comunitario ai profughi insediati in città, che a seguito dell’ultima discussa riforma di legge, dovranno essere ospitati nei comuni circostanti in numero pari a 1 profugo ogni 1000 cittadini. Molte le iniziative del comitato Les Cultures in favore della promozione dell’integrazione e impossibile dimenticare la marcia scalzi organizzata dal comitato Noi Tutti Migranti.

Come ogni anno sono stati celebrati i cittadini meritevoli con la consegna del San Nicolò d’oro. Le tre benemerenze premiate quest’anno sono: Angelo Sala (in memoria), Associazione Onlus Oikos e Elda Cattaneo.

Martina Panzeri

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, Eventi, Città, Hinterland, Valsassina Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .