“PREFERISCO IL CARCERE,
SE MI RIPORTATE IN COMUNITÀ,
DA LÌ SCAPPO ANCORA”

CARCERE LECCO pescarenicoLECCO – Non vuole stare in comunità G. P., condannato a scontare una pena cumulativa di 18 anni e sei mesi per una serie di rapine, che ieri è scappato per la seconda volta dalla Casa di Abramo, struttura con sede a Lecco in via Montalbano.

Quando i Carabinieri lo hanno ripescato non si è opposto e non aveva armi o oggetti pericolosi con sé, ma ha ribadito il concetto che ha ripetuto anche questa mattina all’udienza per direttissima al giudice Enrico Manzi: “Non voglio tornare in comunità, piuttosto il carcere, se mi riportate lì scappo ancora”.

Opzione non praticabile in questo caso, per via dei suoi problemi di salute che gli rendono impossibile scontare la propria pena in carcere. Il procedimento si è risolto con un patteggiamento che ha aggiunto otto mesi alla pena da scontare, ma sia l’avvocato della difesa sia il Pm Nicola Preteroti si sono attivati perché venga individuata dal giudice di sorveglianza una struttura più idonea.

M. V.
………………………………………………………….

La comunità “Casa Abramo”, inaugurata nel 1996 in una struttura della Diocesi di Milano in comodato alla Caritas Ambrosiana, accoglie adulti in situazione di difficoltà, marginalità, disagio, o coloro i quali hanno vissuto l’esperienza carceraria, per sviluppare percorsi individuali di recupero e di risocializzazione.

 

 

Pubblicato in: Città, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati