LA POLEMICA/”5.000 € PER SALVARE
UN CANE. E PAGA LA COLLETTIVITÀ”

elicottero-vigili-del-fuocoPASTURO – Nella storia ruotano le pale di tre elicotteri. Due gratuiti, mentre un terzo sarà presto a pagamento. Perché se il salvataggio di un “incrodato” in montagna potrà ricadere sulle tasche dell’impreparato alpinista, a versare i 5.000 € per recuperare un cane sfuggito al padrone sarà sempre la collettività.

Negli scorsi giorni gli elicotteri dei corpi di soccorso sono stati protagonisti nei cieli della Valsassina. Il primo, quello dell’Areu, impegnato nelle ricerche dello sfortunato pensionato di Primaluna, la cui salma il cui recupero sarebbe stato di competenza dell’elicottero della Finanza, e terzo, il mezzo dei Vigili del Fuoco che fa base a Varese, giunto in Grigna per salvare un cane.

elisoccorso como 3Il tutto mentre in Regione Lombardia si discute il provvedimento legislativo che porterà al pagamento dell’elicottero per gli escursionisti che, pur chiedendone l’intervento, non ne avessero reale necessità.

Una serie di eventi ravvicinati che hanno portato un nostro lettore a condividere una personale riflessione, soprattutto considerando che, se presto la spesa vana per l’elisoccorso ricadrà sugli sprovveduti, per quanto riguarda un animale domestico a pagare sarà sempre la collettività.

Continua a leggere su Valsassinanews…

 

 

 

Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, Montagna, Valsassina, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati