RICERCA/IMPIANTATO AL MANZONI
IL PRIMO DEFIBRILLATORE
SOTTOCUTANEO

ospedaleLECCO – Nuovo primato all’ospedale “Manzoni” di Lecco, in elettrofisiologia, la struttura che si occupa della diagnosi e cura delle aritmie cardiache, quelle alterazioni del ritmo cardiaco che possono modificare il normale funzionamento del cuore.

Dopo aver eseguito, nel maggio scorso, l’impianto del primo e unico defibrillatore cardiaco compatibile con l’esame di risonanza magnetica in ogni parte del corpo, fino ad allora precluso ai portatori di defibrillatore impiantabile, recentemente è stato impiantato presso l’unità di Cardiologia il primo defibrillatore sottocutaneo. La procedura – spiegano gli specialisti – è indicata soltanto in particolari casi selezionati.

“Vale la pena ricordare – racconta Franco Ruffa, responsabile dell’elettrofisiologia di Via dell’Eremo – che il defibrillatore è un dispositivo che consente la protezione da aritmie potenzialmente mortali che, alla bisogna, può funzionare da pace-maker”. Impiantare i fili di defibrillazione sotto cute, spiega il cardiologo, “permette di ridurre eventuali rischi di tipo infettivo o traumatico correlati all’introduzione dei fili all’interno del sistema venoso e nel cuore” .

CARDIOCHIRURGIA

A questa novità se ne aggiunge un’altra che innova profondamente lo studio elettrofisiologico, l’esame che permette di leggere e interpretare l’attività elettrica del cuore. “La peculiarità della nostra struttura – continua Ruffa – è avere definito  una tecnica che permette, mediante l’utilizzo di sistemi di navigazione all’interno del cuore (detto mappaggio elettroanatomico), l’esecuzione dello studio elettrofisiologico e dell’ablazione (metodica che elimina i cortocircuiti elettrici da cui originano i battiti anomali del cuore), riducendo drasticamente o eliminando l’utilizzo di radiazioni. In questo modo si limitano notevolmente, per il paziente e gli operatori, eventuali rischi connessi all’esposizione alla radiazioni ionizzanti”.

Il capofila nazionale del registro dedicato a queste procedure eè Antonio Pani , anch’egli cardiologo del Manzoni. Ad elettrofisiologia (lo staff comprende oltre a Ruffa  e a Pani, anche Camillo Gerosa e Roberta Brambilla) sono circa 500 le procedure interventistiche realizzate nel corso di un anno.

 

 

Pubblicato in: tecnologia, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati