RADAELLI/PARCO GUZZI ABBADIA
“FINANZIATO DALLA REGIONE
CON BANDO, NON DALLA LEGA”

Da alcuni giorni, il Consigliere regionale uscente Mauro Piazza sta pubblicando tramite i propri social i “risultati raggiunti” grazie alla sua azione politica nell’ultima consiliatura.

Tutto legittimo, se ottenuti con ordini del giorno e lavoro d’aula, se non fosse che in alcuni casi i fondi regionali siano arrivati tramite bandi o assegnazioni automatiche.

È il caso della riqualificazione del Parco Ulisse Guzzi di Abbadia Lariana, finanziata per 500.000 euro dal bando regionale “Interventi finalizzati all’avvio di processi di rigenerazione urbana” con una graduatoria pubblicata a marzo 2022.

Da consigliere comunale di Abbadia, ho seguito da vicino la stesura e l’iter di approvazione di questo progetto, in cui lo sforzo profuso da tutto il gruppo di maggioranza è stato importante. Un lavoro sui bandi, fatto anche da tanti altri amministratori locali del nostro territorio, che è impegnativo e costante, fondamentale in un periodo di carenza di risorse a disposizione degli enti più piccoli e che non deve essere sminuito.

Ora, vedere il consigliere Piazza intestarsi il “risultato raggiunto” dei soldi arrivati dalla Regione ad Abbadia fa sorgere un interrogativo: come può essere che l’assegnazione del contributo sia stata merito suo? È impossibile che Piazza abbia un merito nell’assegnazione dei bandi perché un Consigliere Regionale, anche di maggioranza, non può certo intervenire in maniera così influente nella formazione di una graduatoria pubblica.

Mi aspetto un chiarimento da parte della Lega: se ci fossero dei favoritismi in una procedura pubblica come questa sarebbe gravissimo. Ugualmente, se così non fosse, come credo e mi auguro, Piazza sarebbe comunque in malafede a intestarsi in questi giorni di campagna elettorale il risultato di un’amministrazione locale che ha vinto un bando con un progetto partito dal basso.

In ogni caso, non può esserci un modello di gestione della nostra Regione che non passi esclusivamente da finanziamenti elargiti sulla base del merito e dell’aderenza ai criteri di selezione. Mi impegno fin da ora, insieme a Pierfrancesco Majorino candidato Presidente di Regione Lombardia, a portare avanti questo metodo, in supporto a tutte le amministrazioni comunali dei territori e senza mai privilegiare un Comune piuttosto che un altro, sulla base delle simpatie, di qualunque natura esse siano.

Pietro Radaelli
Consigliere Comunale di Abbadia Lariana
Candidato Consigliere Regionale
Partito Democratico

Pubblicato in: Cronaca, Economia, Lago, Lettere a LeccoNews, politica, Turismo Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati


GixSoft88 Rev. 022022 .