FOCUS SUL METALMECCANICO.
GALIMBERTI: “MADE BY LARIO,
SOSTENERLO È UN DOVERE”

LECCO –  “Le imprese metalmeccaniche lariane: demografia di impresa, addetti, congiuntura e interscambio commerciale al 30 giugno 2020”. Pubblicato dall’Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Como-Lecco il focus sul metalmeccanico, parte delle analisi che periodicamente l’ente realizza per ogni ambito del territorio in modo da monitorare sia l’andamento del sistema imprenditoriale lariano nel suo complesso sia quello dei vari settori che ne fanno parte.

“Il settore metalmeccanico conferma la sua centralità per l’intera economia lariana – sottolinea il presidente della Camera di Commercio di Como-Lecco Marco Galimberti -. I numeri parlano chiaro: oltre un sesto degli addetti totali del nostro territorio afferiscono a questo comparto. Non solo: più della metà dell’export complessivo ‘made by Lario’ proviene dalla meccanica. Se consideriamo che questo settore da solo, nei primi 6 mesi del 2020, ha generato quasi 1,5 miliardi di avanzo della bilancia commerciale (pari ai due terzi del surplus complessivo), ci rendiamo conto del valore delle imprese meccaniche lariane che ogni giorno si confrontano con successo nei mercati internazionali per vendere i propri prodotti a una clientela esigente (Europa e Stati Uniti sono di gran lunga le prime destinazioni del nostro export)”.

“L’emergenza Covid-19 ha fortemente penalizzato un settore in piena trasformazione – prosegue Galimberti -. La riduzione del numero di imprese, combinata con l’aumento del numero degli addetti, mostra che è in atto una concentrazione della meccanica lariana: aziende più grandi e strutturate, in grado di meglio competere con la concorrenza mondiale”.

“Per questo – conclude il presidente – il dovere delle Istituzioni è quello di sostenere le imprese metalmeccaniche lariane con servizi mirati e iniziative ad hoc. L’Ente camerale non farà mancare il suo continuo supporto, per aiutarle a superare questo momento delicato e a continuare a creare benessere per tutto il nostro territorio”.

> CONSULTA IL DOSSIER

 

 

Pubblicato in: Città, Hinterland, Economia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati