POLITECNICO: AL ‘PIRELLI 359’
IL PREMIO KATIA CORTI.
TRE LE MENZIONI SPECIALI

LECCO – Lavori a distanza quest’anno per la giuria chiamata a valutare le tesi candidate per la nona edizione del premio di laurea “Dott. Ing. Katia Corti” promosso Lions Club “San Nicolò” di Lecco e bandito dal Polo territoriale di Lecco. Il tradizionale concorso, destinato ai laureati in Ingegneria Edile-Architettura, ha seguito un iter procedurale completamente online.

Il premio, istituito per mantenere viva la memoria dell’ingegner Katia Corti laureata al Politecnico di Milano e prematuramente scomparsa, mira a individuare il miglior progetto innovativo di recupero (edilizio e/o territoriale) o di nuova costruzione sul territorio lombardo, con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale. I criteri di valutazione secondo cui si è basata la scelta sono stati: la complessità, la completezza e l’originalità della tesi e dei suoi elaborati.

A sbaragliare la concorrenza, aggiudicandosi il premio in palio di 3.000 euro, sono stati i neolaureati Edoardo Bertoni, Giuseppe Immermina e Arianna Racanelli con la tesi: “Pirelli 359: involucri ad alte prestazioni per il recladding di edifici esistenti – applicazione ad un caso studio”, progetto per cui la giuria ha espresso la seguente motivazione: “La tesi affronta con un’ampia documentazione e coerenza il
rapporto tra recupero energetico di edifici significativi del primo dopoguerra e i caratteri architettonici dei casi analizzati. Inoltre, risolve in modo brillante il tema delle alte prestazioni degli involucri attraverso soluzioni originali e innovative”.

La commissione ha espresso un generale apprezzamento per la qualità delle tesi presentate al concorso e, per questo motivo, ha assegnato tre menzioni speciali. La prima è andata a “SynEnergy District: study of the effect of the implementation of electric mobility on the energy behaviour of a newly built district including a performing arts centre”, tesi di Laura Galvani, Michele Maritano e Matteo Terazzi che, si legge nei commenti della commissione “affronta in modo esaustivo le ripercussioni che la crescita della mobilità elettrica avrà sugli edifici del futuro” e di cui è stato “particolarmente apprezzato l’impianto multidisciplinare”.

Una seconda menzione è stata assegnata alla tesi di Giulia Citterio, Ilaria MularoniGiacomo Sarra dal titolo “Re-Move Lecco – Progetto di rigenerazione urbana dello scalo ferroviario di Lecco. Recupero e ampliamento” con la seguente valutazione: “la tesi affronta un tema di recupero complesso, di forte attualità, che si inserisce nel dibattito sul riuso degli scali ferroviari presenti nei comuni italiani. La soluzione proposta prova a risolvere l’attuale cesura generata dalla ferrovia, riconnettendo percorsi e aprendo opportunità”.

La terza tesi menzionata è stata “BLOssom, progetto per la nuova biblioteca Lorenteggio. Studio della luce naturale per il comfort interno attraverso un sistema di facciata dinamica” di Pietro Delogu, Maria Elena Molinari e Elena Tramarin che “affronta il tema della biblioteca civica come luogo di aggregazione per i
quartieri periferici, non trascurando di proporre aspetti innovativi dal punto di vista tecnico-costruttivo”.

 

Pubblicato in: Cultura, Giovani, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .