VIGILI E COVID: LECCO ‘RESISTE’,
ALTROVE COMANDO CHIUSO
(A OLBIA PER UN SOLO CASO)

LECCO/OLBIA – Rimanere senza Polizia municipale sembra uno scenario inimmaginabile. Eppure è quello che è successo ad Olbia in Sardegna quando, a settembre, un agente della Locale è risultato positivo al Coronavirus.

Come riferito dall’agenzia ANSA, immediatamente il sindaco Settimo Nizzi ha disposto la chiusura di tutti uffici con cui l’agente è entrato in contatto, lasciando a casa i dipendenti che vi lavoravano. Con il Coronavirus non si scherza e la prudenza, giustamente, non è mai troppa.

A rimetterci, in ogni caso, non devono essere i lavoratori, nonostante svolgano un servizio pubblico indispensabile (e anzi, a maggior ragione per questo).

Il giorno dopo si è proceduto a sanificare l’edificio e a effettuare il tampone rino-faringeo all’intero personale della Polizia locale e della Protezione civile, in totale circa 80 persone. Finché non sono arrivati i risultati dall’Ats, nessun vigile urbano o dipendente della protezione civile è rientrato in servizio.

Una situazione simile potrebbe verificarsi a breve anche a Lecco.

Come anticipato da Lecco News, qualche giorno fa tra i 46 agenti della Polizia municipale ne sono infatti stati trovati due positivi al Coronavirus.

Il dato è stato comunicato da fonti sindacali, ma dal comando di via Sassi ancora non arrivano chiarimenti.

RedCro

LEGGI ANCHE:

> OLBIA, AGENTE POSITIVO CHIUSA SEDE POLIZIA LOCALE

POSITIVI AL COVID DUE VIGILI DELLA MUNICIPALE DI LECCO. 44 I COLLEGHI AL LAVORO

 

 

Pubblicato in: lavoro, politica, Sanità, Cronaca, Covid-19, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .