FONDI PNRR E CORTE DEI CONTI:
BOTTA E RISPOSTA TRA COMUNE
E VALSECCHI DI ‘APPELLO’

LECCO – Botta e risposta tra Corrado Valsecchi, Capogruppo consiliare di Appello per Lecco, e il Comune di Lecco sulla delibera della Corte dei Conti sui progetti del PNRR riguardante il Comune.

“Navigando tra le delibere della Corte dei Conti ho trovato questa relazione sui progetti del PNRR riguardante il Comune di Lecco – aveva denunciato Corrado Valsecchi -. Va bene usare toni trionfalistici sul recupero delle risorse da parte del Comune ma poi bisogna ottemperare, seguire le procedure, evadere le prescrizioni. La relazione della Corte dei Conti non è per nulla lusinghiera e mette in allerta il sindaco di Lecco ricordandogli che sugli oltre 18.000.000 euro assegnati per i progetti solo 11.000.000 euro sono stati pubblicati sulla piattaforma ministeriale. Il rischio è di perdere i soldi se non si interviene immediatamente, come purtroppo si è verificato con il DUC o per i finanziamenti del lungolago. Il mio intervento odierno con allegata disposizione della Corte dei Conti ha lo scopo propedeutico per non far nascere un nuovo caso di perdita di finanziamenti pubblici. Come consigliere comunale sono molto allarmato da questa relazione e voglio mettere in guardia tutti gli amministratori perché sarebbe inammissibile qualsiasi ‘vuoto di memoria’ che potrebbe pregiudicare il buon esito dei finanziamenti. Prevenire è meglio che curare”.

Nella giornata di oggi, venerdì 20 gennaio, è arrivata le replica del Comune di Lecco: “Lo scostamento tra l’importo degli interventi finanziati con il PNRR (11.503.807,92 euro) così come riportati dalla Corte dei Conti nella deliberazione n. 255/2022/GEST, e l’importo di 18.919.984 euro caricati sulla piattaforma gestita dalla Ragioneria dello Stato ‘Regis’, è semplicemente dovuto all’avanzamento delle istruttorie legate alla presentazione dei progetti avvenuti in data successiva rispetto ai dati comunicati alla Corte dei Conti, in occasione della compilazione del questionario relativo al bilancio di previsione 2022-2024 (inviato in data 7 settembre 2022). Successivamente a questa data, i progetti sono stati via via resi ammissibili e finanziabili dai Ministeri titolari delle diverse misure, caricati in Regis, a eccezione di quelli relativi alla digitalizzazione, i quali non transitano tramite questa piattaforma”.

“Per completezza d’informazioni – continua il Comune di Lecco -, oltre ai quattro progetti di rigenerazione urbana che ammontano a 11.503.807,92 euro, si aggiungono: due progetti per interventi legati alla resilienza, valorizzazione del territorio ed efficienza energetica dei Comuni (riqualificazione energetica per 260.000 euro e rete pubblica illuminazione per 130.000 euro) per complessivi 390.000 euro; progetto rinnovo flotte bus per 5.613.159 euro; cinque progetti riguardanti la transizione digitale, per complessivi 673.017 euro (che per espressa disposizione ministeriale, non sono assoggettati a monitoraggio e rendicontazione su Regis); progetto percorsi di autonomia per persone con disabilità per 715.000 euro; progetto gestione del rischio di alluvione e idrogeologico per 25.000 euro (trattasi di un progetto già concluso). Complessivamente i progetti già menzionati ammontano a 7.416.176 euro“.

“Pertanto, è possibile affermare non solo che l’intervento citato dal Consigliere comunale rappresenti un’azione di routine della Corte dei Conti, e prevista per tutti i soggetti beneficiari dei fondi PNRR, ma altresì che tutti gli adempimenti prescritti siano stati correttamente effettuati. Corre l’obbligo, infine, specificare che l’affermazione che vedrebbe i suddetti fondi PNRR a rischio per il Comune di Lecco è priva di ogni fondamento”, conclude il Comune di Lecco.

> Delibera_255_2022_Lombardia – Lecco

Pubblicato in: Città, Cronaca, Economia, Lettere a LeccoNews, News, politica Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati