MONTAGNA/PREVITALI SHOW:
IRONIA E AVVENTURE
NELLA SERATA DEL CAI LECCO

OLYMPUS DIGITAL CAMERALECCO – Il poliedrico bergamasco con la sua proverbiale verve conquista il pubblico nella seconda serata della rassegna “Una montagna di emozioni” organizzata dalla Scuola di Sci Alpinismo del Cai Lecco. È difficile riassumere l’attività di Emilio Previtali in una sola parola. Lo si può definire arrampicatore, snowboardista estremo, freerider, uomo da spedizione, maestro di telemark, ciclista, story teller, e non per ultimo, marito e padre.

È proprio in questo ordine cronologico che Emilio giovedì sera ha preso per mano il pubblico lecchese in sala Ticozzi e lo ha guidato in un vero e proprio viaggio all’interno della sua vita, attraverso alcune esperienze chiave ed aneddoti divertenti e mai scontati. Si è così scoperto il giovane Emilio compagno di scuola di Simone Moro, le loro avventure scolastiche e le prime esperienze in parete con il Camos e Manolo. Gradi, tacche da tirare ma anche tanto cameratismo. Cambio di scena e si va al Cho Oyu in snowboard con la spedizione dei Gamma insieme all’indimenticato Giacomo Scaccabarozzi. Spedizione che fu trampolino di lancio per la partecipazione al Verbier Extreme Festival che segna uno dei tanti cambiamenti di Emilio, l’andare in montagna non solo per puri obiettivi alpinistici agonistici ma anche per puro divertimento e per scoprire storie e volti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIl vortice continua ed ecco Emilio in spedizione al Nanga Parbat per tentare la prima ascesa invernale con l’amico Simone Moro, obiettivo sfumato ma senza rimpianti: scorrono a video spezzoni di vita al Campo Base con oltre tre mesi trascorsi in terre lontane, le amicizie con i locali, la vita di tenda, i divertimenti con il drone. Nuovo cambio di scena ed eccoci in viaggio per il Giappone, alla ricerca della neve profonda dove divertirsi con il telemark e scoprire nuove culture; ed ancora i buffi racconti della spedizione nelle terre artiche tra orsi polari ed improbabili tecniche di sopravvivenza ed il racconto dell’amicizia con un cane in Scandinavia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il tempo passa e la vita scorre; il cerchio idealmente si chiude con il ritorno a casa ed il racconto delle giornate domestiche da marito e padre, tra shampoo e mille piccole avventure dei figli. Ma non è finita ed Emilio si riscopre ciclista: scorrono frame dell’ultima esperienza come storyteller al Giro d’Italia ed il simpatico racconto della recente gara ciclistica Haute Route Ginevra-Venezia a cui ha preso parte come concorrente.
Un ciclone di energia, storie mai scontate e dai contorni improbabili, risate ma anche insegnamenti di vita tra le righe: gli applausi a fine serata sono sinceri e meritatissimi, per un personaggio che sa continuamente stupirsi, rinnovarsi e raccontare storie e far emozionare come pochi altri.

Il Cai Lecco dà a tutti appuntamento alla prossima ed ultima serata della rassegna che sarà sempre in sala Ticozzi con inizio alle 21 giovedì 15 dicembre, protagonista Martino Colonna: “Bici, Skialper in Bolivia e Scorribande 2016”.

 

 

 

Pubblicato in: Montagna, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati