FEDERMECCANICA: NEL 2020
PRODUZIONE RIDOTTA DEL 13%.
RIVA: “MODERATO OTTIMISMO”

LECCO – Secondo i dati dell’Indagine congiunturale di Federmeccanica sull’Industria Metalmeccanica diffusi in queste ore, nel corso del 2020 la dinamica della produzione industriale metalmeccanica, dopo le forti perdite osservate nel periodo marzo-giugno rispetto ai livelli pre-pandemici, ha mostrato nei mesi successivi andamenti ancora negativi ma in miglioramento.

Se, infatti, ad aprile i volumi di produzione si erano più che dimezzati rispetto a gennaio, nei mesi finali del 2020 la produzione è risultata inferiore di circa 3-4 punti percentuali rispetto alla situazione pre-pandemica. In particolare, nel quarto trimestre del 2020 l’attività produttiva metalmeccanica ha registrato una crescita dell’1,2% rispetto al trimestre precedente e, con un +0,2%, si è confermata sugli stessi livelli del quarto trimestre del 2019.

Come evidenziato da Federmeccanica, mediamente nel 2020 la produzione metalmeccanica si è ridotta del 13,4% nel confronto con l’anno precedente, un calo più accentuato rispetto all’intero comparto industriale (-10,9%) ma più contenuto nel confronto con il 2009.

Oltre che dalla caduta della domanda interna, l’attività produttiva è stata anche condizionata dal pesante crollo del commercio mondiale e, nel 2020, le esportazioni metalmeccaniche sono complessivamente diminuite del 9,7% rispetto al 2019 e le importazioni hanno segnato un -12,8%. In particolare, ha pesato il crollo dei flussi diretti verso i nostri principali partner europei quali la Germania (-8,4% nel confronto con l’anno precedente), la Francia (-14,5%), ma anche verso il Regno Unito (-11,5%) e la Spagna (-18,8%).

“Anche sul nostro territorio i dati del secondo semestre hanno restituito un quadro variegato – evidenzia il presidente di Confindustria Lecco e Sondrio Lorenzo Riva – con indicatori nel complesso in miglioramento rispetto a quanto rilevato nel primo semestre, ma con un differenziale tendenziale negativo con il 2019. Anche l’export ha mancato di dinamicità e, tuttora, lo scenario non è privo di criticità. Anche Federmeccanica evidenzia però che le prospettive a breve sono improntate a un cauto, moderato ottimismo, ma permane una sostanziale incertezza dovuta all’evoluzione della pandemia”.

“Nonostante il periodo particolarmente critico – aggiunge il presidente della Categoria Merceologica Metalmeccanico di Confindustria Lecco e Sondrio, Giacomo Riva – il nostro settore guarda avanti ed ha raggiunto poche settimane fa un obiettivo importante con la sottoscrizione dell’ipotesi di accordo per il Contratto Collettivo Nazionale del settore, in linea con lo spirito innovatore introdotto nel 2016 e mantenendo l’attenzione per aspetti cruciali come la formazione e la previdenza complementare per i giovani. Abbiamo dimostrato di poter affrontare questo periodo così difficile e di voler guardare al futuro con ottimismo e, soprattutto, con impegno. Ora confidiamo in una vera stagione di riforme che sciolga i nodi che da tempo bloccano la nostra economia, da un lato, e in una campagna vaccinale veramente efficace, dall’altro”.

 

Pubblicato in: lavoro, Città, Hinterland, Economia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .