LECCO: IN BIBLIOTECA POZZOLI
TORNANO GLI ORARI PRE-COVID

LECCO – A partire da lunedì 3 ottobre, la Biblioteca civica “U. Pozzoli” di Lecco ripristinerà l’orario continuato e osserverà, dunque, la consueta apertura da lunedì a sabato dalle 9:30 alle 18:30. A maggio 2020, infatti, l’orario continuato era stato sospeso a causa della pandemia, per consentire le procedure di pulizia, disinfezione e aerazione previste dai protocolli di sicurezza. La sala ragazzi resterà invece chiusa dalle 12:30 alle 14.

La biblioteca intende inoltre adottare il software gestionale ClavisNG, in uso nella maggior parte delle biblioteche e dei sistemi bibliotecari nazionali: questo consentirà di avere un catalogo in comune con le altre biblioteche del Sistema Bibliotecario del Territorio Lecchese, di cui Lecco è il centro sistema, in modo da rendere più visibile e valorizzare il patrimonio della biblioteca.

Il passaggio, per il quale non sono previsti oneri, verrà completato entro la conclusione dell’anno; il sistema sarà a regime dopo un periodo di verifica, a partire da marzo 2023. L’intenzione della Biblioteca è quella di mantenere l’adesione a SBN per il dialogo con l’indice nazionale mantenendo l’uso del software SBNWeb (rivelatosi poco adatto alle esigenze delle biblioteche di pubblica lettura) per le funzioni di conservazione e di documentazione, e adottare, come servizio supplementare e non sostitutivo, il software ClavisNG riguardo allo sviluppo dei servizi all’utenza e per implementare la fruibilità del patrimonio della biblioteca a livello provinciale.

Così l’assessore alla Cultura del Comune di Lecco Simona Piazza: “La biblioteca civica torna finalmente ad accogliere i nostri concittadini e gli studenti in città con l’apertura ordinaria e continuativa, come da periodo pre-covid: una possibilità, questa, tanto richiesta, voluta e importante per i nostri utenti. Accanto a ciò, ci apriamo a un’ulteriore novità che riguarda il sistema di catalogazione: la biblioteca, infatti, resterà in SBN per quanto riguarda la gestione dei libri cosiddetti di uniche edizioni, ma accoglierà la catalogazione Clavis per rispondere alle esigenze della nostra utenza in maniera più tempestiva e semplificata possibile”.

“Questo percorso, condiviso anche con Regione Lombardia, ci ha portato così, in qualità di centro sistema del Sistema Bibliotecario del Territorio Lecchese, anche ad uniformarci a tutte le altre biblioteche di lettura. Questo permetterà un sistema di accesso al catalogo sempre più agile, semplificando dunque le procedure per la prenotazione dei libri, e consentirà anche uno snellimento del carico di lavoro degli operatori per quanto riguarda le modalità di catalogazione”.

Pubblicato in: Città, Cultura Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati