RUBA SEI WHISKY AL ‘SUPER’
39ENNE ARRESTATO, SI BECCA
6 MESI E IL ‘FOGLIO DI VIA’

LECCO – Sabato sera le Volanti della Questura di Lecco hanno raggiunto un esercizio commerciale in via Bruno Buozzi dopo la segnalazione di u n furto.

L’addetto alla sicurezza ha indicato ai poliziotti loro l’autore del furto di alcuni articoli riferendo agli agenti che poco prima aveva seguito l’uomo durante la sua permanenza all’interno del supermercato e notando che il ladro, poco prima di dirigersi verso le casse, aveva nascosto all’interno dello zaino alcune bottiglie di liquore. Giunto alle casse, si era però limitato a pagare solo una confezione di pancarrè e due lattine di bibite. Per questo, subito dopo aver oltrepassato le casse la guardia giurata lo aveva fermato e invitato a seguirlo per un controllo sulla spesa effettuata e contestualmente chiamato il numero di emergenza NUE 112. Vistosi scoperto, l’uomo ha aperto davanti agli agenti lo zaino: al suo interno c’erano sei bottiglie di whisky e un telo (che era stato privato del dispositivo anti-taccheggio), per un valore complessivo della refurtiva di oltre 150 euro.

G.V.E., 39enne di nazionalità rumena, domiciliato a Milano, in posizione irregolare sul territorio nazionale e privo di documenti, è stato quindi accompagnato negli uffici della Questura e successivamente arrestato per furto aggravato; aveva a suo carico vari precedenti di Polizia per reati come rapina impropria, furto aggravato e furto con destrezza.

Nella mattinata di oggi ha avuto luogo il processo direttissimo al Tribunale di Lecco in cui l’arresto è stato convalidato e il rumeno è stato condannato alla pena di sei mesi di reclusione con obbligo di firma alla Polizia Giudiziaria per tre volte a settimana.

Il Questore ha inoltre emesso nei suoi confronti il Foglio di Via Obbligatorio da Lecco per la durata di due anni. Visto il suo stato di irregolare sul territorio nazionale, l’uomo è stato infine formalmente invitato a presentarsi all’Ufficio Immigrazione della Questura di Milano per regolarizzare la sua posizione.

 

Pubblicato in: Immigrazione, Cronaca, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati