SUPERBONUS: PER ANCE
12MILA “AZIENDE FANTASMA”
SPECULANO SUL CREDITO

LECCO – “Siamo particolarmente preoccupati per la decisione di alcune tra le principali banche di non accettare più richieste di credito. Una decisione che rischia di allargarsi a macchia d’olio e di bloccare cantieri pronti per partire e di far saltare molti contratti. Se il plafond delle banche è esaurito, le imprese non potranno scontare il credito”: a lanciare l’allarme è il presidente di Ance Lecco Sondrio, Sergio Piazza.

“Il problema alla base è stato il proliferare di nuove aziende, ben 12mila, che si sono iscritte con il codice Ateco delle costruzioni nelle Camere di commercio ma che non hanno nulla a che fare con le imprese del nostro settore e sono semplicemente un effetto della bolla speculativa che purtroppo si è creata attorno a questo provvedimento, che pure riteniamo assolutamente fondamentale” continua Piazza.

“Occorre intervenire con tempestività: da un lato il Consiglio dei ministri deve, nella prossima riunione, dare il via libero alla quarta cessione del credito, quella tra la banca e il cliente; dall’altro occorre che la Cassa Depositi e Prestiti e le Poste aprano nuovamente all’acquisto dei credito. Ma soprattutto è fondamentale che si studino nuovi meccanismi per favorire e premiare le aziende più affidabili e qualificate, ponendo un freno a quanti si sono improvvisati vedendo nel Superbonus una facile opportunità speculativa”.

 

 

Pubblicato in: Città, Economia, Hinterland Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati

GixSoft88 Rev. 022022 .