PER CIRESA UNA CONSULTA
SUL TURISMO GUIDATA DA DADATI

LECCO – Ora che la città sta prendendo coscienza del suo potenziale anche nel Terziario, è nata una consulta per il turismo.

Cinque componenti guidati da Fabio Dadati, presidente del Consorzio degli albergatori lecchesi nonché presidente di LarioFiere, più la tour operator Laura SanvitoAndrea Mauri attivo nell’escursionismo delle due ruote, Angelo Rusconi, musicologo e docente di storia della musica e Marcello Mereu, manager di produzioni televisive, pronti a portare know how tecnico all’assessore al Turismo di una eventuale giunta Ciresa.

A Lecco serve una visione complessiva della progettazione turistica, ha ricordato Dadati. “C’è bisogno di azioni molto pratiche, capaci portare lavoro agli imprenditori e ai giovani”. Gli operatori ci stanno lavorando da tempo, perché si tratta di un settore in crescita con una base molto allargata di protagonisti, ha spiegato. La scelta di affiancare Ciresa – ha sottolineato Dadati – è per vicinanza, ma non in contrasto con gli altri candidati sindaco.

Molti i temi messi sul tavolo: il trasporto, la montagna, la mezza montagna ovviamente il lago.  Ma a questo territorio che deve definire una propria identità, come ha ricordato Andrea Mauri, mancano ancora molte strutture tra le quali ad esempio una grande realtà congressuale e poi parcheggi a rappresentare porte d’entrata da nord e da est.
Il settore richiede luoghi che siano anche punti di riferimento per chi arriva qui in autonomia.

Le aree a cui si guarda sono al Bione e Pescarenico, così si è espressa Laura Sanvito. Le proposte su cui lavorare sono moltissime dallo sport (di preferenza quello outdoor come bike, alpinismo, trekking, vela canottaggio, kite) alla cultura.
Tante le idee tra cui il recupero e lo sviluppo del filone rappresentato dalla lirica, un vero passe-partout internazionale.  Lo ha ricordato il musicologo Angelo Rusconi, facendo riferimento a un personaggio dell’Ottocento: il poeta Antonio Ghislanzoni che visse a Maggianico e fu autore di una sessantina di libretti per la lirica, tra cui il più celebre  l’Aida di Giuseppe Verdi.
Tante proposte sul piatto, per un documento lungo una ventina di pagine

Di suo Peppino Ciresa, che ha nel cuore Lecco capitale dell’alpinismo, ha augurato al tavolo per il turismo di diventare una realtà strutturata, soggetto ufficiale di riferimento per questa tematica che sta coinvolgendo via via sempre più persone del territorio.

 

 

Pubblicato in: Cultura, Montagna, Elezioni, politica, Turismo, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati