METASTASI: CARCERE PER NANIA,
FERMATO ALLE “MERIDIANE”.
MAFIA, ESTORSIONE E SPACCIO

LECCO – Raggiunto sabato al centro commerciale “Le Meridiane” di Lecco dai carabinieri, si aprono le porte del carcere di Pescarenico per Alessandro Nania. 

Residente a Calolziocorte e coinvolto nell’indagine “Metastasi” con la quale la Dda di Milano ha disarticolato la locale ‘ndranghetisa che faceva capo a Mario Trovato, fratello del boss Franco ‘Coco’ Trovato, Nania dovrà scontare la pena residua di 5 anni, un mese e 17 giorni di reclusione per i reati di associazione di tipo mafioso, estorsione e spaccio stupefacenti.

L’ordine di carcerazione è stato emesso il 17 gennaio dalla Corte d’Appello di Milano, conseguentemente al pronunciamento della Cassazione del 28 novembre 2019 che ha reso definitiva la condanna a 7 anni, 9 mesi e 10 giorni del febbraio 2019.

 

LEGGI ANCHE

METASTASI, “QUELLA È MAFIA”. LA CASSAZIONE SI PRONUNCIA. PALERMO ANDRÀ IN CARCERE

> IL PROCEDIMENTO METASTASI dall’archivio di LeccoNews

 

Pubblicato in: Città, Nera Tags: , , , , , , , , , ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati