UN “BOSCO DIFFUSO” A LECCO
PER PRENDERSI CURA
DEL VERDE E DELLA DONNA

LECCO – “La nostra idea è che da un gesto individuale di altruismo possa nascere un bosco diffuso che renderà la nostra città più bella e più sostenibile”, sono le parole di Renata Zuffi, assessore all’Ambiente e alle Pari opportunità del Comune di Lecco presentando il progetto “Il bosco diffuso”, realizzato in collaborazione con la Cooperativa Eco86 e con il progetto Piedibus – Lecco.

L’iniziativa nasce in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi del 21 novembre e della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne del 25 novembre che quest’anno, per via dell’emergenza sanitaria, non potranno essere celebrate attraverso manifestazioni collettive ed eventi all’aperto.

Gli istituti comprensivi di Lecco, le associazioni e le famiglie potranno fare richiesta, entro il 31 dicembre, di una pianta.

“Quello che vi chiediamo e di metterla a dimora in giardino, sul balcone, nell’atrio della scuola, di prendervene cura e infine di fare una fotografia da caricare sul sito www.eco86.it e, meglio ancora, da condividere sui social attraverso l’hashtag #boscodiffusolecco” spiega Zuffi.

Le piante tra cui sarà possibile scegliere sono la ginestra, il biancospino e il pallon di maggio. “L’idea l’abbiamo presa da un famoso artista tedesco, Joseph Beuys – prosegue Zuffi (nda, alla quale suggeriamo che la pronuncia è “Bois”, non “Beius”) – che negli anni Settanta è riuscito a piantare 7000 querce realizzando concretamente un bosco diffuso”.

Il progetto si legherà anche ad un altro tema, quello della violenza contro le donne. “Per una settimana illumineremo alcuni alberi della città di rosso in modo da disegnare un percorso all’interno della città. Il colore è quello delle scarpine simbolo della violenza sulle donne. Abbiamo scelto di legare i due temi perché l’idea alla base è sempre quella della cura, del verde e della donna. Vogliamo trasmettere l’idea che è possibile trasformare un gesto cruento in un gesto di cura”.

Le domande per fare richiesta della piantina vanno inviate entro il 31 dicembre 2020 scrivendo all’indirizzo mail boscodiffuso@comune.lecco.it. Occorre indicare nome cognome, indirizzo, recapito telefonico e la pianta preferita tra quelle indicate.
Le piante verranno assegnate gratuitamente in base all’ordine  di arrivo delle domande, fino al raggiungimento dei 200 esemplari complessivi. Il ritiro della piante avverrà a partire dal 28 febbraio secondo le modalità organizzative che verranno indicare sul sito www.eco86.it.

 

Pubblicato in: politica, Ambiente, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .