EMERGENZA SICCITÀ:
ANCHE A LECCO L’ORDINANZA
PER IL RISPARMIO IDRICO

LECCO – A causa della grave situazione di siccità e del conseguente deficit idrico che sta interessando il territorio e preso atto dello stato di crisi dichiarato da Regione Lombardia fino al 30 settembre,il sindaco di Lecco ha adottato misure di carattere straordinario e urgente finalizzate a razionalizzare l’utilizzo delle risorse idriche disponibili.

Le disposizioni adottate impongono, sin da subito e fino al termine della criticità idrica, il divieto di prelievo e di consumo di acqua potabile su tutto il territorio comunale per l’irrigazione e l’annaffiatura di giardini e prati; il lavaggio di cortili e piazzali; il lavaggio di veicoli privati, a esclusione di quello svolto dagli autolavaggi; il riempimento di fontane ornamentali, vasche da giardino e piscine private, anche se dotate di impianto di ricircolo dell’acqua; tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico e igienico.

Il mancato rispetto delle disposizioni comporta, per i trasgressori, l’applicazione di sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.

L’ordinanza invita anche a un uso razionale e corretto dell’acqua potabile, oltre che a una limitazione nell’utilizzo degli impianti di condizionamento e al mantenimento, anche negli edifici privati, di una temperatura non inferiore, in estate, a 27°, meno 2 gradi centigradi di tolleranza. Il provvedimento è disponibile sul sito istituzionale del Comune di Lecco, in albo pretorio, a questo collegamento.

 

 

Pubblicato in: Ambiente, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati